miglior broker forex

Moneyfarm Funziona ? Recensioni e Opinioni ( positive e negative )

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Nella guida di oggi analizzeremo l’offerta di MoneyFarm, una delle aziende di gestione del capitale più popolari nel nostro paese.

Nata come start up soltanto qualche anno fa, MoneyFarm si è rapidamente affermata come una delle realtà più dinamiche e tra le preferite da piccoli e grandi investitori.

Come sappiamo bene però, non tutto è oro quel che luccica, soprattutto nel mondo della consulenza finanziaria, personalizzata oppure generica. Spesso dietro la grande popolarità di alcuni sistemi e servizi si nascondono anche pratiche commerciali avanzate in grado di far sentire il cliente soddisfatto anche quando non dovrebbe esserlo.

Per questo abbiamo deciso di vederci da vicino anche per quanto riguarda MoneyFarm: senza pregiudizi, senza voler dimostrare una tesi preconcetta. Semplicemente nell’interesse dei nostri lettori presenti e futuri e di tutti coloro i quali si stanno avvicinando al mondo degli investimenti.

Nella guida di oggi parleremo di moltissimi aspetti che riguardano MoneyFarm. Vedremo se funziona davvero oppure se si tratta dell’ennesimo e inutile sistema di gestione del portafoglio. Vedremo le recensioni e le opinioni dei professionisti e di chi ha già utilizzato il sistema.

Come sempre – su MigliorBrokerForex.net – senza alcun tipo di pelo sulla lingua.

Chi c’è dietro MoneyFarm?

MoneyFarm è un servizio nato in Italia nell’Aprile del 2012. Dopo un lungo giro di finanziamenti da parte di angel investors e altri tipi di capitale pronto per le nuove imprese, nel 2015 ottiene l’autorizzazione ad operare come intermediario finanziario da FCA, la massima autorità in tema di regolazione dei mercati finanziari nel Regno Unito.

L’azienda nel frattempo, grazie ad un progetto innovativo e interessante, ha continuato a raccogliere capitali da società di venture capital, che avevano intravisto nel gruppo che animava il progetto delle ottime potenzialità.

MoneyFarm è, inutile negarlo, una storia di un successo nel mondo fintech, con l’offerta – e questo va sicuramente riconosciuto all’azienda – di prodotti finanziari avanzati a costi comunque mediamente più contenuti, rispetto almeno a quanto offerto dalle banche e dagli altri promotori finanziari indipendenti.

Vale la pena di sottolineare, in apertura di recensione e di approfondimento, che MoneyFarm è ancora oggi un intermediario finanziario che è autorizzato ad operare su tutto il territorio europeo grazie alla licenza FCA, che garantisce i capitali conferiti e che è al tempo stesso segnale di enorme trasparenza.

Allo stesso tempo Moneyfarm offre la separazione completa e totale dei capitali propri da quelli dei clienti, tramite l’appoggio a Saxo Bank.

Come funziona MoneyFarm?

MoneyFarm è un sistema gestito di investimento, il che vuol dire che i clienti potranno investire – o meglio, saranno indirizzati – vostro strumenti che il gruppo ritiene congrui con il profilo dell’investitore.

  1. Tutto parte con l’identificazione del profilo investitore: tramite un sistema automatico di risposta a domande specifiche, il sistema diventa in grado di individuare il nostro profilo di rischio e le nostre aspettative;
  2. Il portafoglio viene creato, seguendo quelle che sono le indicazioni ricevute dal gruppo di cui al punto 1;
  3. Successivamente l’investimento viene gestito dalla squadra di gestione di MoneyFarm. Non si tratta dunque di un investimento statico e a gestione passiva, ma di una gestione attiva che, almeno in parte, ricorda il funzionamento dei fondi comuni di investimento.

Vale la pena di ricordare che inoltre MoneyFarm mette a disposizione dei suoi clienti un consulente dedicato, in grado di svolgere analisi sull’investimento e sul portafoglio sul quale abbiamo investito.

Il funzionamento di MoneyFarm è dunque relativamente semplice e lineare, anche per chi sta muovendo i primi passi nel mondo del risparmio e degli investimenti.

Ci sono differenze sostanziali che dovresti tenere in considerazione, sia nei confronti di strumenti come i fondi comuni di investimento, sia invece nei confronti di strumenti più liberi, come il conto trading.

Oltre ai vantaggi di MoneyFarm, già in apertura è per noi necessario sottolineare cosa comporti la gestione: non siamo completamente in grado poi di andare a modificare la composizione del nostro portafoglio e – anche nel caso di opportunità che abbiamo individuato e delle quali siamo ragionevolmente certi – non potremo permetterci di coglierle.

Se prima di affidarti a MoneyFarm vuoi testare cosa vuol dire costruire un portafoglio per conto tuo e gestire i tuoi capitali, puoi considerare di aprire un conto pratica di eToro e testarne il servizio.

Su eToro puoi aprirlo subito e sarà sempre completamente gratuito ( conto con saldo virtuale di 100.000€ ).

MoneyFarm offre anche PAC

MoneyFarm non è soltanto attiva nella gestione del capitale classica, ma offre ai suoi clienti anche PAC – una forma di investimento a conferimento periodico, che permette, almeno nella soluzione offerta da MoneyFarm, di investire in uno dei portafogli del gruppo.

Sul sito di MoneyFarm trovi info dettagliate sui portafogli standard offerti dal gruppo

Si tratta anche in questo caso di una Gestione Patrimoniale attiva, con tutti i pro e i contro dei quali avremo modo di parlare più avanti nel corso della nostra guida a MoneyFarm.

Il funzionamento dei PAC di MoneyFarm

Per accedere ai PAC di MoneyFarm dovrai semplicemente:

  1. Decidere il contributo mensile di investimento. Il contributo iniziale è di 5.000 euro e il versamento minimo è di 1.000 euro al mese. Puoi associare l’investimento sia ad un portafoglio già attivo, oppure anche ad un nuovo portafoglio che sarà creato all’uopo;
  2. Setta il versamento mensile: puoi impostare sul tuo home banking un versamento mensile verso MoneyFarm, identico ovviamente per somma al contributo mensile che hai scelto.

Tra i vantaggi del PAC offerto da MoneyFarm abbiamo sicuramente:

  1. Gestione attiva: il che vuol dire che i consulenti di Moneyfarm potranno cercare di perseguire il massimo profitto, nei limiti imposti dal tuo portafoglio
  2. Si può interrompere quando si vuole: non ci sono vincoli in questo senso e puoi davvero interrompere i versamenti quando lo preferisci

Ci sono però dei contro che devi necessariamente considerare prima di investire questa somma:

  1. Il minimo di investimento è molto alto, almeno per chi sta muovendo i primi passi nel mondo del risparmio. 5.000 euro, per le famiglie italiane di oggi, non sono esattamente spicci;
  2. I costi: parliamo dell’1% per chi investe somme umane, al quale si aggiungono i costi dei fondi (mediamente intorno allo 0,26%) e i costi di spread dei fondi, che si aggirano intorno allo 0,07%;
  3. La libertà: su MigliorBrokerForex.net attribuiamo un grande valore alla libertà dell’investitore. È per questo che produciamo costantemente guide in grado di offrire gli strumenti informativi per investire nel modo corretto. Con il risparmio gestito, che si tratti di MoneyFarm o meno, questo principio non può che venir meno.

Se vuoi investire in libertà, hai diversi broker a disposizione che ti garantiscono accesso ai mercati. Uno di questi è Trade.com, che ti offre accesso a oltre 2.100 asset. Puoi testarlo subito con un conto demo gratuito con 100.000 dollari di capitale virtuale per fare pratica

I costi di MoneyFarm

Consulente personale, portafoglio ritagliato su misura, assistenza. Sono servizi sicuramente interessanti, ma quanto ci costano?

Il piano di MoneyFarm è più costoso per chi investe piccoli capitali e diventa gradualmente più conveniente quando i capitali diventano più importanti:

  • Fino a 14.999 euro investiti paghi l’1% di commissioni MoneyFarm, più lo 0,26% di costo dei fondi medio, più uno 0,07% per quanto riguarda invece lo spread;
  • Fino a 199.999 euro: paghi invece lo 0,60% in commissioni di MoneyFarm, lo 0,26% sui fondi e lo 0,07% a livello di bid-ask spread;
  • Per più di 200.000 euro investiti, la commissione di MoneyFarm scende fino allo 0,40%.

Con un piano di costi di questo tipo, sicuramente trasparente ma non neutro sul nostro capitale, investire somme piccole e medie con questo servizio è relativamente costoso.

I costi rimangono uno dei problemi più importanti di MoneyFarm

Se ad un lato è vero che spenderai meno di prodotti finanziari simili, dall’altro è vero che avrai commissioni di almeno l’1,3% su quanto investito su base annua.

Sono costi relativamente elevati, che se per il settore del risparmio gestito sono forse trascurabili, se messi a confronto dei broker che invece incassano commissioni zero (e solo lo spread Bid-Ask) diventano invece un fardello decisamente importante.

Cerchi un investimento con commissioni zero? Il broker FP Markets ti offre un conto demo gratis, con tutto quello di cui hai bisogno per investire, creare la tua strategia e gestire il tuo portafoglio.

Cosa utilizzano i portafogli di MoneyFarm?

MoneyFarm, al fine di mantenere costi bassi, utilizza ETF, strumenti dei quali abbiamo già avuto modo di parlare e che hanno, in quanto gestioni passive, costi più bassi dei comuni fondi di investimento.

Gli ETF possono essere dei prodotti interessanti, soprattutto per chi è alla ricerca di una diversificazione ampia, senza dover necessariamente ricorrere a portafogli complessi.

C’è da dire però che ci sono comunque delle commissioni, per quanto basse, da pagare. Gli ETF utilizzati da MoneyFarm sono mediamente allo 0,26% di commissione annua. Non esattamente un prodotto costosissimo, ma neanche gratuito.

MoneyFarm è una truffa?

No. MoneyFarm non è una truffa. È un intermediario finanziario autorizzato da FCA e dunque con la possibilità di operare su tutto il territorio europeo, senza limitazioni.

Il gruppo è solido e – almeno relativamente alla sua specifica nicchia – offre anche un servizio mediamente interessante, che permette di gestire patrimoni in modo semi-automatico, per un portafoglio che sia il più vicino possibile alle nostre esigenze.

MoneyFarm può avere anche dei difetti per talune categorie di investitori, ma sicuramente non è una truffa.

I pro di MoneyFarm

Abbiamo ormai analizzato tutto quanto c’era da sapere su MoneyFarm sotto il profilo tecnico e funzionale. È giunto il momento di analizzare quelli che sono i pro di MoneyFarm:

  1. Tutti possono investire, anche senza esperienza. Il portafoglio sarà infatti gestito tramite gli esperti di MoneyFarm e con l’applicazione di tecnologia del gruppo;
  2. I costi sono mediamente bassi, almeno se paragonati a quelli che sono applicati per strumenti simili. Per chi ama il risparmio gestito (posizione che spesso non condividiamo), la scelta di MoneyFarm è probabilmente la più economica;
  3. ETF: condividiamo, almeno sulla carta, la scelta degli ETF, perché in grado, in una gestione di questo tipo, di mantenere i costi sotto controllo.

I contro di MoneyFarm

Su MigliorBrokerForex.net difficilmente consigliamo soluzioni gestite. Questo perché, come già ripetuto più volte, crediamo nello sviluppo delle capacità personali del trader e nella sua necessaria libertà.

Le critiche che muoviamo a MoneyFarm non riguardano dunque soltanto l’azienda, ma spesso più in generale la nicchia di mercato che ha deciso di occupare:

  1. Costi: è vero che sono tra i più bassi dell’intero settore, ma è pur vero che esistono. Parliamo di comunque una media dell’1,3% per quanto riguarda gli investimenti al di sotto del 15%;
  2. Portafoglio “automatico”: gli strumenti utilizzati da MoneyFarm saranno sicuramente avanzati, ma anche con l’assistenza del consulente personale è molto difficile intervenire di fino. Non è possibile il fine tuning degli strumenti e siamo fondamentalmente costretti ad accontentarci di strumenti precotti;
  3. Differenziazione: certo, gli ETF sono strumenti un minimo differenziati, ma potrebbe essere non sufficiente per chi vuole un portafoglio davvero al riparo di quelli che sono i ciclici crolli del mercato;
  4. Benchmark: non abbiamo prove sul lungo periodo che i portafogli di MoneyFarm, sul lungo periodo, possano garantire performance che giustifichino i costi connessi.

La fortuna di chi investe oggi con il trading online è che per ciascuna di queste problematiche c’è sempre un’alternativa:

  1. Investimento zero costi: broker come FP Markets ti offrono la possibilità di investire tramite CFD senza commissioni aggiuntive. Non ci credi? Testa subito le possibilità con un conto demo gratuito;
  2. Portafoglio gestito in proprio: Trade.com ti offre oltre 2.000 asset sui quali scegliere, per comporre un portafoglio che sia veramente ritagliato sulle tue esigenze. Apri qui un conto demo gratuito con 100.000 USD di capitale.
  3. Differenziazione vera: scegli quali titoli inserire nel tuo portafoglio per controbilanciare i rischi dei tuoi investimenti. Puoi osservare la gestione del portafoglio in autonomia anche con conto demo sul broker trading FP Markets;
  4. Rendimenti: non c’è maggior soddisfazione per un trader che investire per conto proprio e ottenere rendimenti elevati. Tentar non nuoce, anche se non è un percorso automatico al 100%.

Per chi vuole portafogli pronti: le possibilità offerte dal social trading

Non possiamo poi dimenticare che, per chi è alla ricerca di strumenti di investimento pronti, ovvero di portafogli sui quali investire magari con un solo click, c’è a disposizione anche il social trading.

Parliamo di una modalità di investimento che ci permette di copiare i migliori trader della piattaforma eToro secondo rischi, rendimenti e performance.

C’è un altra buona notizia: puoi testare il social trading di eToro con un conto demo gratuito, ovvero un conto con capitale virtuale con il quale cominciare a copiare i trader che più si confanno al tuo stile e alle tue necessità.

Noi preferiamo andare per la nostra strada

Riconosciamo sicuramente i meriti di MoneyFarm: ha effettivamente impattato sugli standard del risparmio gestito ed è diventata, in pochi anni, una realtà con la quale tutti i gestori di risparmio dovranno necessariamente fare i conti.

Preferiamo però un altro approccio al mondo degli investimenti, un approccio fatto principalmente di studio, di analisi dei mercati e di mosse che tengono in conto anche l’istinto del trader.

A volte i nostri rendimenti saranno magari inferiori a quelli di MoneyFarm, a volte invece saranno superiori.

Ma nulla sarà in grado di offrire la libertà assoluta e totale del controllo del proprio capitale come fa una buona piattaforma di Trading Online.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments