miglior broker forex

TradoSpot Truffa? Recensioni e Opinioni

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Su MigliorBrokerForex.net torniamo a parlare di truffe nel trading e lo facciamo segnalando a tutti TradoSpot, sedicente broker che pur non avendo più un sito raggiungibile, continua a contattare potenziali clienti, anche in Europa e in Italia.

Un broker sedicente, perché in realtà nessuno ha mai avuto modo di guadagnare anche soltanto 1 euro da questa piattaforma, che si presentava fino a qualche tempo fa – come d’altronde sempre avviene nel caso delle truffe online, come rivoluzionaria, incredibile e dalla capacità di creare guadagni automatici per tutti i suoi clienti.

TradoSpot piattaforma n.1? Forse per numero di clienti truffati

Come sempre accade in questi casi, in realtà la cosa si è risolta con un nulla di fatto, con un gruppo di truffatori in fuga e con nessun tipo di possibilità per chi aveva investito di recuperare alcunché.

Noi di MigliorBrokerForex.net continuiamo a segnalare queste truffe, anche quando sembrano aver perso forza come nel caso di TradoSpot, da un lato perché nessuno ci garantisce che non si riaffacceranno sul mercato e dall’altro per imparare insieme a riconoscere i truffatori.

Ci sono – lo ricordiamo a tutti i nostri lettori che sono interessati al trading online – moltissimi broker seri e che non fuggono con il bottino. Uno su tutti? eToro – attivo ormai da molti anni e che offre tutte le garanzie e la sicurezza che ti aspetteresti da un grande broker.

eToro ( quì per leggere la nostra recensione ) è consigliato da Migliorbrokerforex.net dal lontano 2012.

Meglio non fidarsi mai di chi promette mari e monti e invece rivolgersi a chi fa del trading una missione.

Di cosa parleremo in questa guida su Tradospot?

Non ci sarà molto di cui parlare, almeno rispetto ad altri tipi di truffe che sono ancora operativi. 

TradoSpot infatti ha quantomeno abbassato il profilo, in quanto ha chiuso il sito internet e – secondo le segnalazioni che ci sono arrivate – cercherebbe di contattare clienti a ritmi decisamente meno sostenuti.

Dovremo necessariamente però occuparci di diverse questioni, che riguardano questo finto broker e finto sistema per il guadagno automatico:

  1. Segnalazione CONSOB e di altri enti di questo tipo: TradoSpot era stato già segnalato durante l’Aprile 2019 da CONSOB, non senza un colpevole ritardo. Non che sia una novità, ed è proprio questo il motivo per il quale vi consigliamo anche di anticipare i bollettini CONSOB, perché finiscono per segnalare operatori scorretti in netto ritardo;
  2. Società apparente, piattaforma e licenze: cos’ha di reale TradoSpot? Era davvero una società di trading? È in possesso di licenza oppure opera nell’illegalità più totale? Può essere paragonato, come sistema, a broker conosciuti e di chiara affidabilità come Capital.com – qui per il sito ufficiale in anteprima? Oppure si tratta di un broker fantasma, come purtroppo spesso ci capita di incontrare?
  3. Guadagni: c’è qualcuno che è mai riuscito a guadagnare con TradoSpot? Oppure, come spesso capita con i sistemi truffa, nessuno è riuscito a mettere le mani sui supposti guadagni generati con TradoSpot? Puoi ritirare e prelevare come faresti con i broker certificati e garantiti dalla legge Europea, come FP Markets – il broker CySEC 100% sicuro?

Ci sono diverse questioni che dovremo affrontare nella nostra guida e segnalazione di TradoSpot, una delle peggiori truffe, lo diciamo da subito, senza temere di essere smentiti, che abbiamo incontrato nel corso delle nostre attività di ricerca.

Che cos’è – o meglio era – TradoSpot

Non sappiamo se sia il caso di parlare di TradoSpot al presente o al passato. Il broker in questione, attivo dal Febbraio 2018, non è più raggiungibile infatti già dal Maggio 2019, data dalla quale il suo sito è diventato irraggiungibile.

Successivamente a questa data però abbiamo comunque ricevuto moltissime segnalazioni: TradoSpot starebbe continuando a raccogliere clienti attraverso chiamate cold call, ridirigendoli poi verso altre piattaforme truffa.

Ai tempi TradoSpot si proponeva come broker CFD, attivo in moltissimi mercati, come nel Forex, nelle azioni, nelle commodities e anche negli indici.

Il punto di forza proposto era da un lato la leva molto elevata, anche di 4 o 5 volte più alta dei limiti europei.

Dall’altro la proposta, sempre avvenuta per mezzo telefonico, di un sistema di trading gestito, in grado, almeno a loro detta, di guadagnare migliaia di euro al giorno anche con un investimento di soli 250 euro.

Ti ricordiamo che nessun broker degno di essere chiamato tale può o vuole garantirti dei guadagni: si tratta di un’operazione illegale al 100% e qualcosa dal quale broker affidabili come eToro – qui per conoscere il suo sito ufficiale – e tutti gli altri broker affidabili e legali non possono fare!

Nessuna licenza, al contrario di quello che veniva promesso

Vale la pena anche di ricordare il fatto che TradoSpot non è mai stato in possesso di alcuna licenza FCA (quella rilasciata dalle autorità britanniche) né tantomeno di altra licenza europea.

Questo vuol dire che il broker ha sempre operato nella più completa illegalità, con ogni probabilità avendo già in mente l’exit strategy che poi purtroppo ha avuto luogo soltanto qualche mese fa.

Ti ricordiamo sempre di evitare come la peste broker che non sono dotati di licenza per operare sui mercati e per proporre prodotti finanziari in Italia e in Europa.

Sono broker in genere fantasma o che comunque hanno deciso di operare nell’illegalità più totale e assoluta.

I broker seri – quelli ai quali potremmo comunque pensare di affidare il nostro capitale – hanno sempre una licenza per operare in Europa e la riportano sempre in calce sul sito ufficiale.

Basta controllare come si comporta FP Markets – Broker con licenza CySEC, che riporta sul suo sito internet tutte le informazioni societarie e di licenza che ci permettono di andare ad investire con una tranquillità e una sicurezza sicuramente maggiori rispetto a broker che invece non hanno, come nel caso di TradoSpot, alcuna licenza.

TradoSpot è una truffa – ne siamo certi al 100%

Già le premesse non erano delle migliori: presentarsi sul mercato senza una licenza e senza una società riconoscibile, o peggio, con dati falsi, non è il piede giusto con il quale cominciare ad offrire servizi di trading.

Il broker affermava di operare da Tallin, Estonia, dove avrebbe operato con la licenza numero FFA000251. La società collegata a quella licenza, basta controllare sul sito ufficiale dell’autorità estone, è inattiva dal 2018 e per il 2019 non ha compilato neanche la dichiarazione dei redditi.

TradoSpot offre bonus – in barba alla legge europea e ad ESMA

Ricordati inoltre che quando i broker offrono bonus e dunque operano ancora una volta in contrasto alle più recenti disposizioni europee, non è mai un buon segno.

Se il broker non è in grado di rispettare leggi così semplici, cosa ti fa pensare che sarà in grado di farlo magari con le leggi che esistono a tutela dei tuoi risparmi e dei tuoi versamenti?

E purtroppo, nel caso di TradoSpot, le cose sono andate proprio così: il gruppo che si celava dietro questo falso broker è fuggito con il denaro degli ignari clienti e risulta, ad oggi, irreperibile.

Ho già versato a TradoSpot e non riesco a prelevare: che faccio?

Come ti abbiamo detto in apertura, TradoSpot e le sue piattaforme non sono purtroppo più attive e dunque c’è davvero poco che tu possa fare per recuperare il tuo denaro.

Anzi, in realtà non c’è davvero nulla che tu possa fare, se non segnalare la questione alle autorità, che però comunque non saranno in grado di recuperare il denaro, nonostante, almeno all’apparenza, questo broker operi dall’Estonia.

Purtroppo questo broker è stato già segnalato da CONSOB, FCA e da tutte le principali autorità in termini di controllo finanziario d’Europa. Di ulteriori passi da fare non ce ne sono e ci dispiace essere praticamente certi del fatto che non ci siano appunto modi di recuperare il denaro versato.

Occhio alle truffe: impara a riconoscerle e diffondi queste informazioni

La guida di oggi ha messo insieme per te diversi elementi per riconoscere le truffe. Il trading online ti può offrire delle ottime opportunità di crescita e di guadagno, a patto però di seguire le indicazioni degli esperti e di utilizzare broker CFD qualificati.

Puoi anche aiutarci a mettere in guardia più persone possibili semplicemente condividendo questa guida su tutti i principali social network e tra i tuoi contatti.

Mettendo in guardia più persone, riuscirai a proteggerle non solo dalla truffa messa in piedi da TradoSpot, ma anche dalle prossime che inevitabilmente cominceranno a circolare.

Le truffe sono relativamente comuni e senza un minimo di orientamento è facile finire nelle grinfie di questi personaggi.

Conclusioni: TradoSpot è una truffa, pur apparentemente operando dall’Europa

Siamo davanti ad una truffa che purtroppo è riuscita a gabbare molte persone, soprattutto in quanto il gruppo operava apparentemente da un paese europeo, pur non essendo in possesso di licenza finanziaria.

Prima di scegliere un broker per le tue operazioni, ti consigliamo sempre di rivolgerti a chi si occupa di analisi dei broker, come appunto fa MigliorBrokerForex.net.

Qui troverai infatti delle recensioni approfondite, che ti aiuteranno anche a discernere i broker buoni da quelli che invece, come nel caso di TradoSpot, fuggono con i tuoi risparmi.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments