miglior broker forex

Hubi Exchange Conviene? Opinioni, recensioni e Alternative

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Oggi torneremo a parlare di investimenti in criptovalute e lo faremo analizzando l’offerta di uno dei più conosciuti exchange del settore.

Oggi infatti parliamo di Hubi Exchange, un exchange cinese che oggi invece ha sede a Singapore e sul quale diversi nostri lettori ci hanno chiesto delucidazioni.

E faremo proprio questo, valutando appunto se Hubi Exchange può essere un partner ideale per il trading online, oppure se è un operatore da scartare.

hubi exchange funziona? opinioni e alternative
Hubi: la home page

Hubi Exchange è una truffa, come le tante che abbiamo segnalato, oppure è un operatore corretto?

Dovremo anche paragonare Hubi Exchange a quelli che sono i migliori broker per investire in criptovalute, come appunto eToro (che qui puoi testare con con una demo gratis), broker di grandissima qualità che permette appunto di operare anche su tutte le principali criptovalute, come anche Bitcoin.

Ci sarà molto di cui parlare, perché appunto quando siamo davanti alla scelta di un broker, o meglio in questo caso di un intermediario, c’è da cercare di sapere vita, morte e miracoli di chi abbiamo di fronte.

Perché il rischio è quello di affidarsi a chi appunto non ha forse neanche le basi per offrirci quello di cui abbiamo bisogno, con problemi che potrebbero ripercuotersi in modo importante sul nostro capitale.

Una premessa: investire in criptovalute è una cosa seria, proprio come se investissi in azioni

Quello che ci preme indicare subito, in apertura della nostra guida, è una realtà che in molti ancora snobbano e che altri purtroppo affrontano con un fare troppo amatoriale.

Le criptovalute sono serie, così come è serio chi investe in questo tipo di asset. Questo vuol dire che non dovremo accontentarci della prima cosa che capita, ma dovremo esigere esattamente tutto quello che appunto esigiamo quando investiamo in cose… serie.

E quindi bisognerà sempre mettersi alla ricerca di broker, magari come IQ Option (che qui puoi testare con una demo gratis), che sono in grado di offrirti piattaforme, accessi ai mercati e commissioni basse.

Hubi Exchange riuscirà a “sopravvivere” a questi paragoni? Oppure dovremmo considerarlo come un intermediario che non è in grado di offrire molto e dunque scartarlo?

Cos’è Hubi Exchange?

Ma di cosa stiamo parlando esattamente? Chi abbiamo di fronte? Chi è Hubi Exchange?

Partiamo dal principio: siamo davanti ad un exchange, ovvero ad un sito specializzato nello cambio di criptovalute contro altre criptovalute.

Anche sulla nostra piattaforma ne abbiamo analizzati diversi, in verità con fortune decisamente alterne, perché come sarà chiaro dal seguito di questa guida, gli exchange presentano delle criticità importanti che non possiamo mai sottovalutare quando stiamo scegliendo un buon intermediario per fare trading.

Huobi è una società nata in Cina, ma che poi ha preso in largo e si è trasferita a HK e a Singapore.

No, Hubi Exchange non ha licenza

Vale la pena di sottolineare subito un fatto secondo noi increscioso. Da un lato abbiamo i broker come FP Markets (qui per una demo gratis) che sono dotati di licenze affidabili come la ASIC.

Oppure ancora eToro, broker da sempre con licenza CySEC, che offrono appunto il top in termini di licenza e di affidabilità ai loro clienti.

Dall’altro abbiamo gli exchange come Hubi Exchange, che pur agendo come intermediari finanziari, non hanno sede in Europa, non hanno licenza europea di intermediari e in ultimo non possono dunque offrire tutta una serie di tutele che nell’UE (e in Australia, ad esempio) sono riconosciute in capo a chi investe.

È un problema? Secondo noi sì, ma sicuramente non è l’unico.

Come avremo modo di vedere tra pochissimo, in realtà i problemi che Hubi Exchange condivide con gli altri exchange sono importanti e dovrebbero essere di sicuro interesse per chi appunto vuole investire con questo intermediario.

Se vuoi fare trading seriamente sulle criptovalute, ti consigliamo appunto di investire con un broker serio e affidabile, che sia dotato di licenza e che abbia già una reputazione importante. Come IQ Option (che qui ti offre il capitale virtuale gratis per fare trading senza rischi).

Le caratteristiche di Hubi Exchange come exchange

Partiamo dal principio, che tipo di exchange è Hubi Exchange?

  • È offshore, non nel senso caraibico della questione. È semplicemente operativo in una giurisdizione che è difficilmente attaccabile, nel caso di problemi, da piccoli e medi investitori;
  • Ha circa 40 criptovalute a disposizione, numero importante, ma sul quale avremo modo di tornare più avanti;
  • È un exchange centralizzato: e questo è un ulteriore problema, perché gli exchange più moderni operano in modo completamente differente (e decisamente più sicuro).

Quello che in molti riconoscono è che Hubi Exchange, almeno in rapporto agli altri exchange, ha almeno il buon cuore di offrire commissioni basse.

Ma come vedremo tra pochissimo, anche questo è un miraggio, che si dissolve come neve al sole quando compariamo appunto quanto offerto da Hubi Exchange rispetto a broker come eToro (testalo qui con una demo gratis).

Il problema di un exchange extra-UE (e in una giurisdizione quasi lassista nei confronti degli intermediari)

Partiamo da quella che è per noi la questione macroscopica.

Potreste avere tutta la fiducia del mondo in Hong Kong e Singapore, ma la realtà è che, con mezzi ristretti (e senza avere team di avvocati), operare da quelle parti è estremamente difficile.

Immaginate di avere un problema con Hubi Exchange, può capitare. Come pensate di poter adire le proverbiali vie legali?

Ecco. È praticamente impossibile e di fronte ad un intermediario che appunto non è dotato neanche delle licenze locali, il dubbio è più che sostanziale.

Tutta un’altra musica andare ad investire con broker che invece sono dotati di licenza. FP Markets ha licenza ASIC e questo lo rende decisamente più affidabile. I controlli da quelle parti ci sono e sono sicuramente più sostanziali.

Hubi Exchange e le commissioni: ma si spende davvero poco?

Hubi Exchange si fa forte, almeno rispetto agli altri exchange, di essere uno di quelli più economici. Mediamente potremmo anche dire di esserci. Perché Hubi Exchange ti offre commissioni fisse all’acquisto e alla vendita dello 0,2%.

Non è poco, e dopo vedremo perché. Quello che c’è da dire è che però altri exchange offrono tariffe anche 20 volte più alte.

Il problema è dunque del settore, un settore che abbiamo visto chiedere anche il 5% per ogni singolo trade.

Ma è davvero poco? No.

Ti basterà controllare sul sito di IQ Option per renderti conto di come appunto i broker CFD oggi possono offrirti condizioni decisamente migliori per investire.

Hubi Exchange è un exchange, e tanto basta per non investire utilizzando queste piattaforme

Non abbiamo nulla di pregiudiziale contro Hubi Exchange. Il problema è che la categoria in questione presenta dei problemi importanti, che dovrai tenere in debita considerazione.

A scopo divulgativo, ripeteremo anche in questa guida quelli che sono i limiti, secondo noi enormi, degli exchange per chi vuole fare trading.

Gli exchange come Hubi Exchange… non hanno altri asset

Certo, è ovvio. Gli exchange sono nati per scambiarsi le criptovalute ed è ragionevole che non offrano altri tipi di asset. Ma questo è un problema per chi vuole investire seriamente.

Perché appunto la migliore delle strategie che puoi seguire è quella di una ragionevole diversificazione, ovvero in diversi titoli, mercati e asset.

Con gli exchange questo non può essere possibile e dunque riteniamo che siano da scartarsi a prescindere quando si tratta di scegliere appunto l’intermediario con il quale investire.

Con eToro hai a disposizione oltre 2.000 titoli, ovvero letteralmente l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda la diversificazione.

Si tratta di una differenza enorme tra gli exchange e i broker CFD. Una differenza che basterebbe già per chiudere la partita a favore dei broker CFD.

Gli exchange non offrono delle piattaforme adeguata per investire

Che dire delle piattaforme che vengono offerte per investire? Da un lato c’è chi offre grandi piattaforme, come fa appunto FP Markets (qui per la demo gratis) e c’è chi invece si presenta con una piattaforma web scadente, e che non ha davvero nulla da offrire in termini di strumenti.

Il risultato non può che essere pessimo. Siamo infatti davanti ad una mancanza di strumenti che non può che riflettersi appunto nella nostra capacità di fare trading.

Con i migliori broker CFD invece puoi scegliere di operare proprio come fanno i professionisti, ovvero andando a scegliere strumenti che sono gli stessi utilizzati da chi vive di trading.

Purtroppo i problemi degli exchange come Hubi Exchange non sono finiti qui.

Sicurezza e affidabilità: gli exchange sono spessissimo vittime di attacchi hacker

Non siamo noi a dirlo, ma la storia. Basta cercare su Google per rendersi conto di come gli attacchi hacker verso gli exchange come Hubi Exchange siano davvero all’ordine del giorno e come tante volte appunto ci abbiano rimesso di tasca loro proprio… gli investitori.

Sei sicuro di voler lasciare il tuo patrimonio nelle mani di soggetti così fragili? In aggiunta Hubi Exchange è un exchange centralizzato, il che vuol dire che al contrario di quelli più moderni è anche maggiormente esposto agli attacchi hacker.

Il risultato sono dei problemi di sicurezza che non vorremmo mai vivere con il nostro capitale.

Anche in questo caso investire con broker CFD come IQ Option (che puoi anche testare qui con una demo gratis) vuol dire mettersi nelle mani di operatori al 100% sicuri, che non possono perdere nulla per conto tuo, perché si tratta di contratti nominali che, anche se rubati, non hanno davvero valore.

Il problema dei servizi aggiuntivi: oggi fare trading è qualcosa di diverso da quanto offerto da Hubi Exchange

Oggi i broker si danno battaglia anche e soprattutto tramite i servizi aggiuntivi che vengono appunto offerti a chi vuole investire con successo.

L’esempio più lampante sono i sistemi di copy trading e social trading di eToro, sistemi che permettono da un lato di copiare i migliori trader dell’omonima piattaforma, e dall’altro di ricevere segnali social elaborati automaticamente.

Ne potremmo citare a decine, di broker seri e affidabili che hanno da offrire servizi aggiuntivi.

Mentre dagli exchange come Hubi Exchange non possiamo che trovare appunto… il nulla. Una scarna piattaforma di trading che non toglie e non aggiunge nulla alle nostre possibilità.

Nel 2020 si può e si deve esigere di più dal proprio intermediario, proprio perché altrove, a prezzi più bassi, abbiamo addirittura più servizi a disposizione.

Secondo noi non conviene dunque investire non solo con Hubi Exchange, ma anche con tutti gli altri exchange che abbiamo (o non abbiamo ancora) recensito sulle nostre pagine.

No, Hubi Exchange non è una truffa

Possiamo essere certi di quello che affermiamo: Hubi Exchange, nonostante non sia appunto un intermediario dotato di licenza, non è una truffa.

È un exchange che appunto ha già una certa reputazione e che può essere sicuramente considerato come uno di quelli ai vertici del settore.

I problemi che ha – e che riassumeremo tra poco nel nostro invito finale – sono relativi grosso modo a tutti gli exchange.

Siamo relativamente sicuri del fatto che Hubi Exchange non scapperà con il bottino, come purtroppo è successo però nel mondo degli exchange diverse volte, con botti clamorosi che hanno davvero lasciato gli investitori con un pugno di mosche in mano.

Investire comunque con broker che hanno licenza, come eToro (qui puoi testarlo con una demo gratis) vuol dire poter fare trading con un operatore e un intermediario al di sopra di ogni sospetto sicuramente più di Hubi Exchange.

Non siamo noi a parlare, ma la legge.

Ecco perché ti sconsigliamo di fare trading sulle criptovalute con Hubi Exchange

Perché non ti consigliamo di fare trading con Hubi Exchange? Perché fare trading è una cosa seria e soprattutto oggi che abbiamo effettivamente a disposizione degli intermediari che siano appunto al 100% sicuri e pieni di feature non ha davvero senso, se vogliamo investire, affidarci a chi:

  • Non ha licenza e dunque in linea di massima è sempre meno sicuro di broker che invece ce l’hanno;
  • Ha pochissimi asset a disposizione e tutti nel settore delle criptovalute. Non potrai diversificare, il che si traduce in un enorme difficoltà di mitigare i rischi, operazione assolutamente necessaria per chi vuole fare trading appunto in modo intelligente;
  • Ha piattaforme inesistenti, il che vuol dire che non avrai appunto a disposizione gli strumenti che hanno a disposizione i veri professionisti per fare trading;
  • Corri rischi per colpa degli hacker che vedono negli exchange dei bottini molto succulenti da portare a casa.

Sono motivi che riteniamo importanti e che dovrebbero appunto spingerti a scegliere altro per fare trading. Soprattuto oggi che ce l’hai a disposizione, come appunto IQ Option, che ti permette di investire anche con 10 euro.

Senza dimenticare il fatto che oltre alle commissioni citate sopra, ci sono anche commissioni per i prelievi che, se sommate, possono ammontare a valori importanti. Soprattutto tenendo conto del fatto che sono commissioni fisse.

Conclusioni: c’è altro per investire al top nelle criptovalute. Lascia perdere Hubi Exchange

Ti consigliamo di lasciar perdere Hubi per fare trading, perché appunto c’è davvero di meglio per fare trading sulle criptovalute.

Abbiamo già citato nel corso della nostra guida 3 diversi operatori che offrono molto di più rispetto appunto agli exchange in generale e a Hubi Exchange in particolare.

C’è davvero tanto, anzi tantissimo di meglio per fare trading. Anche su questi asset che, se vogliamo, sono decisamente particolari.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments