miglior broker forex

Bilancia commerciale e mercati

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Che cos’è la bilancia commerciale e perché è un importante notizia economica per chi fa trading online? Ha senso seguire questo tipo di notizie, almeno per quanto riguarda le principali economie a livello mondiale?

Oggi parleremo di un indicatore che sicuramente ha un impatto minore rispetto agli interessi, quantomeno per i mercati principali, ma che comunque andrebbe seguito nelle sue variazioni, soprattutto se siamo tra coloro i quali investono in mercati specifici dei quali andremo a parlare con maggiore dettaglio più avanti.

La bilancia commerciale non sarà il dato più indicativo di quelli che trovi all’interno del calendario economico ma va comunque tenuto in debita considerazione se vuoi avere a disposizione tutte le informazioni principali per orientare il tuo trading.

In realtà comunque ci sono delle ripercussioni importanti, che puoi testare e analizzare tu stesso anche con semplice conto demo eToro – gratis e pronto in meno di 1 minuto qui, della bilancia commerciale (o delle variazioni inaspettate della stessa) per quanto riguarda il mercato del Forex, anche se il discorso, almeno per oggi, sarà relativamente complesso e degno di approfondimento.

Se vuoi saperne di più sulla bilancia commerciale, sei nel posto giusto, perché i nostri esperti di economia e di trading hanno messo a punto per te una guida completa per questo argomento.

Che cos’è la bilancia commerciale?

La bilancia commerciale è la somma degli export meno gli import, ovvero appunto il bilancio tra merce e servizi che vengono esportati e quelli che vengono invece importati.

Di primo acchito, soprattutto se non si ha una solida preparazione in tema economico, potremmo pensare che i paesi che hanno una bilancia commerciale in attivo, quello che chiamano un trade surplus gli economisti, debbano essere sempre più ricchi degli altri.

Le cose in realtà non stanno sempre così e ci sono economie molto solide che in realtà hanno attraversato lunghissimi periodi sviluppando appunto trade deficit, ovvero appunto una bilancia commerciale negativa.

Quello che ci interessa sapere, almeno per il momento, è che le valute fluttuanti, ovvero quelle che hanno valore libero sul mercato, fluttuano proprio per riequilibrare quanto avviene anche con la bilancia commerciale.

Senza valute fluttuanti, la questione era relativamente più complessa da gestire. Si tratta in questo caso però di una condizione residuale che ormai interessa solo quei pochi e piccoli paesi che hanno una valuta che segue 1:1 il valore di una valuta terza.

Per ora dobbiamo tenere bene a mente che ovviamente all’aumentare del trade deficit o del trade surplus, è proprio la moneta ad essere agente del ritorno ad una condizione di equilibrio economico.

Puoi anche in questo caso analizzare cosa è successo nei vari paesi e alle diverse valute in relazione all’evolversi della loro bilancia commerciale.

Lo puoi fare con un Account su FP Markets – broker dagli strumenti analitici professionali, che ti permette di analizzare uno storico di 5 anni e anche di metterlo facilmente in relazione con le principali notizie economiche.

Un rapporto complicato

Il rapporto tra valuta e bilancia commerciale è di quelli complessi, perché intorno a questi due valori girano molti altri concetti ed effetti reali sull’economia che andrebbero studiati a fondo (e sul nostro sito avrai sicuramente modo di farlo):

  1. Quando il valore di una valuta cresce gli export di quel paese diventano molto meno appetibili, perché appunto più cari per chi compra;
  2. Quando il valore di una valuta scende gli export dei paesi che usano quella valuta diventano invece più richiesti, perché in rapporto finiscono per costare meno.

Seguendo questi due meccanismi, in realtà semplici, è possibile capire come l’aumento del valore di una valuta influenza fortemente i mercati cosiddetti reali.

Gli Stati Uniti sono in deficit commerciale da praticamente sempre, per miliardi di dollari ogni anno!

Ma è vero anche il contrario?

Export e import: la domanda e l’offerta di valuta

L’altro rapporto sul quale è assolutamente necessario posare lo sguardo per un momento è quello tra domanda e offerta di valuta di un determinato paese e il suo valore.

Come abbiamo già detto più volte sulle pagine di MigliorBrokerForex.net, il prezzo di una valuta rispetto ad un’altra è determinato dalla domanda e dall’offerta di queste valute da parte dei mercati.

Chi importa, ha bisogno di acquistare valuta straniera per comprare. Chi esporta, incassa in valuta locale.

Quindi all’aumentare degli export di un determinato paese, aumenta anche la richiesta di valuta, facendone appunto lievitare il valore.

È questo il rapporto più importante tra valuta, mercato Forex e import-export, ovvero la bilancia commerciale.

Le aspettative, anche in questo caso, sono importanti

Ricordati sempre che in presenza di una notizia che arriva dal calendario economico è il rapporto tra dato ufficiale ed aspettative a fare testo, e non semplicemente il dato in quanto tale.

I mercati e gli analisti hanno infatti un’opinione informata su come stanno muovendosi determinate grandezze fondamentali di un’economia nazionale e dunque i mercati, prima che arrivi il dato ufficiale, si muovono appunto su suddette aspettative.

Quello che accade all’uscita del dato è che nel caso in cui questo non fosse in linea con quanto previsto dalle aspettative, i mercati diventano molto volatili, per correggere appunto e per riportare i valori in linea con il dato reale e non le aspettative.

Chiunque faccia trading da un po’ può raccontarvi di come i mercati, che hanno magari sbagliato previsione e hanno avuto delle aspettative errate, nel giro di pochi minuti siano in grado di rimuoversi alla ricerca del nuovo equilibrio, quando arriva una notizia, che si tratti dei dati sulla bilancia commerciale o di altro tipo di dato.

Anche in questo caso però il miglior modo per cominciare a maneggiare notizie e grandezze è quello di… sporcarsi le mani.

Oggi puoi farlo facilmente, anche se non hai neanche 1 euro da investire al momento, andando ad aprire un conto demo come quello che ti offre Capital.com, un conto completamente gratuito che ti fornisce tutti gli strumenti non solo per investire, ma anche per analizzare gli andamenti e le reazioni del mercato.

La bilancia commerciale ha effetti anche sul altri mercati?

Sì, ma molto indirettamente. In realtà sono altri gli indicatori che sono in grado di muovere quei mercati in modo deciso.

Non stiamo assolutamente affermando che dati molto scoraggianti sulla bilancia commerciale non possano andare ad impattare sui mercati azionari o su quelli delle materie prime.

Quello che stiamo dicendo è che appunto dobbiamo guardare prima ad altri indicatori se quello che ci interessa è andare ad analizzare il mercato azionario, ci sono altri fattori di cui tenere conto.

Chiudiamo, sulla bilancia commerciale e le azioni, dicendoti che in genere quello che interessa i professionisti del trading è un eventuale trade deficit prolungato: è segnale che un paese si sta indebitando e se la situazione non fosse momentanea, sarebbe più che lecito preoccuparsi, in mancanza di strategie serie e nazionali per uscire da questa condizione.

Il trade deficit non è comunque una sempre brutta: gli Stati Uniti, tanto per citare l’economia più forte del mondo, è in deficit da praticamente sempre.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments