miglior broker forex

Guida al trading EUR/RUB (euro/rublo russo)

Online il - Aggiornato il

Di Antonio Possentini

miglior broker forex

Euro (EUR) e rublo russo (RUB) sono due valute che rappresentano economie molto grandi, decisamente tra le più importanti al mondo.

Anche se nel corso del tempo i rapporti diplomatici tra Russia ed Eurozona si stanno deteriorando, le loro valute rimangono in gran parte legate da accordi commerciali e da un destino comune.

Entrambe le economie stanno vivendo un periodo complicato, ma entrambe rimangono tra le più scambiate e solide al mondo. Ecco perché, se fai trading online, dovresti considerare l’idea di negoziare il cambio EUR/RUB.

guida al trading euro rublo
Euro e rublo russo sono valute che rappresentano economie grandi, ma in fase di stagnazione – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

In questa guida al trading, oltre a darti le informazioni più importanti da conoscere, parleremo di previsioni e dei migliori broker per scambiare questa coppia di valute.

Come vedremo, infatti, piattaforme come AvaTrade (visita il sito ufficiale qui) si rivelano particolarmente adatte al trading del rublo grazie a commissioni particolarmente basse e non solo.

Le basi del trading su EUR/RUB

Molto probabilmente hai già una certa conoscenza dell’euro e della banca che ne regolamenta le politiche, ovvero la Banca Centrale Europea (BCE).

D’altronde è la valuta che noi italiani utilizziamo tutti i giorni, per cui abbiamo una certa dimestichezza con lei. Ma quanto sei ferrato sul rublo russo?

Effettivamente è raro che si senta parlare della valuta utilizzata in Russia, per lo meno nei mass media come radio e telegiornali. Ma non preoccuparti, qui ci sono tutte le basi che devi assolutamente conoscere.

Prima di tutto, la banca centrale che regolamenta il rublo è la Central Bank of Russia (CBR).

Ovviamente il nome in lingua originale è diverso, ma essendo parecchio difficile da pronunciare possiamo concentrarci solo sul nome internazionale.

Da quando la Russia ha invaso la Crimea, occupando un territorio che ormai risponde alle autorità russe e non a quelle ucraine, le sanzioni internazionali sono arrivare da più fronti per penalizzare l’economia del Cremlino.

Ad oggi, il rublo e tutta l’economia russa stanno vivendo un momento particolarmente difficile sulla scia di queste sanzioni, che limitano fortemente il commercio con le nazioni occidentali.

Per cercare di recuperare il terreno perso con le sanzioni, la Russia è sempre di più in stretti rapporti con la Cina: i due partner commerciali, uniti da un vivace scambio di beni e servizi, risultano comunque in un equilibrio diverso da quello del passato.

L’economia cinese, ormai nettamente predominante rispetto a quella russa, risulta avere molto più potere contrattuale della sua controparte; inoltre i russi esportano prevalentemente materie prime in Cina, mentre i cinesi esportano verso la controparte prodotti finiti e tecnologia.

Per entrare meglio nel discorso, osserva i grafici di EUR/RUB e RUB/CNY su eToro (registrati gratis su eToro – top broker social trading – qui).

Il ruolo dell’euro

L’euro risulta sicuramente più importante sullo scenario internazionale del rublo russo, almeno in quanto a valuta in sé.

Fa parte della ristretta cerchia delle valute considerate “rifugio“, insieme alla sterlina inglese, al dollaro americano e allo yen giapponese; inoltre è l’espressione dell’economia più grande al mondo.

Anche se indipendenti, infatti, i paesi dell’Eurozona sommati tra loro formano la realtà con il PIL più grande al mondo, o stando ad alcune stime la seconda più grande (subito dopo gli USA).

Questo non basta, però, per eliminare i problemi di fondo dell’euro e dell’economia dell’Unione.

Negli ultimi anni la crescita è stata stagnante, assestandosi a meno del 2% l’anno, malgrado i molteplici tentativi della BCE di stimolare un ritorno alla crescita sostenuta.

Le politiche di quantitative easing, in favore di chi vuole richiedere un mutuo o un prestito, sono soltanto in parte riuscite ad evitare un prolungamento della crisi economica iniziata nel 2009.

Nel frattempo, il costo di queste politiche è evidente: l’economia europea si regge su dei tassi di interesse molto bassi applicati dalla BCE verso le banche private.

I tassi non si potrebbero tagliare ulteriormente nel caso di una crisi internazionale, lasciando il fianco scoperto a qualsiasi avvenimento negativo che possa influenzare i nostri mercati nei prossimi anni.

previsioni euro 2019
Previsioni fine 2019 per l’economia europea – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

In tutto questo, non possiamo tralasciare il problema dell’inflazione: assestandosi intorno allo 0,6% l’anno, il tasso è troppo basso per favorire la ripartenza dei consumi e degli investimenti su larga scala.

Malgrado il tasso di inflazione sia comunque sospinto dalle politiche della BCE, siamo ancora ben lontani da quel 2% che Mario Draghi e i suoi attuali successori hanno auspicato dall’inizio della crisi in poi.

Ora l’economia europea si presenta agli occhi del mondo come un colosso dormiente, in attesa di una nuova ondata di crescita che per il momento non sembra arrivare.

Il ruolo del rublo

Il rublo russo è considerato decisamente meno importante dell’euro negli scambi internazionali, anche in virtù della mancanza di stabilità istituzionale in Russia.

Malgrado l’avanzamento tecnologico degli ultimi trent’anni, la Russia rimane comunque un paese segnato da una forte corruzione e da una democrazia piuttosto claudicante.

Questi sono aspetti che tipicamente spaventano i mercati, i quali tendono ad evitare il rublo nelle trattative internazionali (favorendo piuttosto il dollaro americano, ma spesso anche l’euro).

Ci sono tre grandi problemi per l’economia russa:

  • Una disparità enorme tra la ricchezza del ceto più alto e quella del ceto più basso della società;
  • L’ostilità delle nazioni occidentali, che hanno fortemente limitato gli scambi commerciali con la Russia e potrebbero rincarare la dose delle sanzioni in futuro;
  • La perdita di valore nei confronti delle economie orientali e Medio Orientali, che vedono nascere nuovi poli più interessanti come Cina e India.

Per l’anno in corso si prevede che il PIL russo cresca appena dell’1%, ma è sempre difficile determinare i dati macroeconomici di un paese che non comunica granché all’esterno.

Quanto all’inflazione, il tasso dovrebbe assestarsi al 2,88% entro fine anno. Il rublo, quindi, si svaluta decisamente più dell’euro.

Concludiamo parlando delle politiche attuali della banca centrale russa. L’istituzione, al contrario della controparte europea, è decisamente più controllata dalla politica.

dati macroeconomici russia 2019
Previsioni ufficiali per i principali indicatori economici russi nel 2019 – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Da questo punto di vista, la Russia naviga sicuramente in acque migliori. Con un tasso centrale al 6,5%, c’è tanto spazio per i tagli nel caso di recessione o di nuove sanzioni.

A tal proposito, già in questi ultimi anni abbiamo visto la CBR tagliare i tassi diverse volte.

Nel 2015 i tassi erano superiori al 16%, ora sono più che dimezzati. Se il trend dovesse continuare, presto anche la Russia potrebbe trovarsi senza paracadute in vista di una crisi.

Gli effetti dei tagli parlano chiaro: usando gratuitamente i grafici di AvaTrade (vai al sito ufficiale di AvaTrade facendo clic a questo indirizzo), puoi notare come la valuta si stia deprezzando nei confronti dell’euro.

Previsioni EUR/RUB

Quando parliamo di previsioni dobbiamo sempre essere cauti. La nostra esperienza nel mondo del Forex ci insegna che le cose possono sempre cambiare nell’arco di poche settimane.

In ogni caso, è chiaro che ci troviamo di fronte a due valute che rappresentano due economie piuttosto simili.

Da una parte l’Europa cresce poco, pur non avendo sanzioni, e fatica a far decollare l’inflazione.

Dall’altra parte la Russia cresce ancora meno. L’inflazione potrebbe diventare un problema opposto, cioè troppo alta, se la CBR continuerà a tagliare i tassi di interesse.

Nel complesso, però, il problema rimane lo stesso per la Russia e per l’UE: poca crescita e poche prospettive.

Fino a che i dati macroeconomici non racconteranno una situazione diversa, possiamo aspettarci che l’euro si rafforzi sul rublo.

Con un tasso di inflazione più basso, infatti, la valuta tende a perdere meno il suo valore nei confronti di altre valute. Se poi il tasso di inflazione russo dovesse crescere ancora, questo trend sarà ancora più netto.

Usando la funzione di AvaTrade che ci permette di conoscere le previsioni degli altri utenti (scoprila sul sito del broker aprendo un conto gratis da qui), vediamo che la maggior parte dei trader è concorde con la nostra visione.

Ti incuriosisce il discorso?

Leggi anche la nostra recensione completa di AvaTrade.

EUR/RUB, broker suggeriti per il trading

MigliorBrokerForex.net ha fatto della ricerca dei migliori broker per trading sul forex per ogni strumento finanziario una missione, fin dal 2012.

Anche in questa occasione, dunque, vogliamo suggerirti i servizi di trading online più adatti al trading di EUR/RUB.

In particolare, ci siamo concentrati su:

  • Velocità di esecuzione degli ordini;
  • Sicurezza;
  • Commissioni di trading sul cambio EUR/RUB;
  • Supporto al cliente;
  • Facilità di utilizzo della piattaforma.

A fronte di tutto questo, ci sono due broker che emergono rispetto alla concorrenza e che vogliamo consigliarti.

AvaTrade – 1° broker consigliato

Già menzionato nel corso della guida, si tratta di un broker molto amato da chi fa Forex trading in tutta Europa.

Oltre a commissioni di trading davvero basse, AvaTrade (registrati gratis qui) ti permette di avere accesso alla famosa piattaforma Metatrader 4.

fare trading con avatrade
Avatrade è un broker attivo sui mercati finanziari fin dal 2006

Questa piattaforma, la più utilizzata dai trader di professione, è un punto a favore importante almeno quanto la convenienza sul fronte delle commissioni.

Se non lo hai già fatto, visita il sito ufficiale di AvaTrade facendo clic qui.

eToro – 2° broker consigliato

eToro (vai al sito ufficiale di eToro facendo clic qui) è un broker sempre più popolare, grazie ad un approccio innovativo al Forex trading che può aiutarti a investire su EUR/RUB come un professionista.

logo etoro
eToro è un broker molto conosciuto per via delle sue funzionalità “social trading” e “copy trading”

Su eToro, infatti, sei tu a decidere se negoziare gli strumenti finanziari in prima persona o copiare in automatico un investitore già esperto.

In questo modo puoi sfruttare una community di migliaia di traders a tuo vantaggio, imparando le loro strategie e addirittura chiedendo a eToro di copiarle mentre stai facendo tutt’altro.

Puoi anche provare gratuitamente eToro (clicca qui) senza costi né limiti di tempo, utilizzando il conto demo con denaro virtuale che il broker mette a disposizione dei clienti.

Per approfondire, non perdere anche la nostra recensione completa di eToro.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments