miglior broker forex

Leva finanziaria: Cos’è e come funziona [Trading Leva]

Online il

Di Antonio Possentini

miglior broker forex

La leva finanziaria è uno dei primi concetti importanti con cui i trader alle prime armi si devono confrontare. Se hai dato un’occhiata al sito di un broker come eToro (scoprilo sul sito ufficiale), magari avrai incontrato questo termine. E sappiamo che non è una cosa così intuitiva da capire, se sono i tuoi primi giorni nel mondo del trading online.

leva finanziaria nel trading online
La leva finanziaria è uno dei concetti fondamentali del trading online – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

In questa guida vogliamo aiutarti a capire esattamente come funziona, e come puoi sfruttarla a tuo vantaggio per migliorare le tue strategie di investimento.

Cos’è e come funziona la leva finanziaria

La leva finanziaria ti permette di fare investimenti più grandi del tuo capitale, in modo del tutto legittimo e regolamentato dalle normative europee. So che può sembrarti assurdo: anche se hai 100 euro sul tuo conto, puoi investirne 2.000 ed essere nel pieno rispetto delle regolamentazioni.

Per capire come funziona, partiamo dagli investimenti senza leva finanziaria.

Se hai 1.000 euro, senza usare la leva puoi comprare 100 azioni che costano 10 euro ciascuna. Ipotizzando che queste azioni salgano del 10%, ognuna di loro varrà 11 euro e tu avrai ora 1.100€. Ora ipotizziamo che tu abbia sempre gli stessi 1.000€, ma che il tuo broker ti permetta di usare una leva 1:5 per questo investimento. Significa che a fronte dei tuoi 1.000€, tu potrai investirne 5.000.

Ecco che cosa succede:

  • I tuoi 1.000€ diventano una garanzia per questo investimento;
  • Anziché comprare 100 azioni da 10€, ne potrai comprare 500;
  • Se il valore di queste azioni dovesse scendere fino a perdere 1.000€, avrai perso il tuo denaro;
  • Se il valore delle azioni dovesse invece salire, potrai tenerti tutti i guadagni generati da 500 azioni anziché da 100 soltanto.

Di fatto, sia le tue perdite che i tuoi guadagni diventano più grandi. In questo modo puoi sfruttare anche le piccole oscillazioni per generare movimenti importanti sul tuo conto.

La leva è quindi un’arma a doppio taglio: rende più importanti i profitti, ma anche le perdite. Per questo sia un livello di leva troppo alto, sia un livello troppo basso, non vanno bene. Il tuo livello di leva dovrebbe essere prudente, ma permetterti di massimizzare il valore del tuo capitale. Vale la pena ricordare che tutti i principali broker online, come Plus500 (clicca per visitare il sito ufficiale), offrono la possibilità di usare la leva negli investimenti.

🥇Miglior Broker con Leva Finanziaria consigliato

eToro (qui per il suo sito ufficiale) è il miglior broker con leva finanziaria, votato oggi da MigliorBrokerForex.net e sono molti i vantaggi competitivi per chi lo sceglie. La nostra redazione è sempre molto imparziale quando si parla di broker. Non vogliamo fare favoritismi, ma consigliamo sempre ai nostri lettori le migliori piattaforme per investire online.

logo etoro
eToro è un broker molto conosciuto per via delle sue funzionalità “social trading” e “copy trading”

Lo facciamo dal 2012, sempre con la massima attenzione nel consigliare servizi:

  • 100% sicuri ed autorizzati ad operare in Italia da Consob;
  • Semplici da utilizzare ma ricchi di tutte le funzionalità necessarie per poter operare come dei professionisti dei mercati finanziari;
  • Convenienti dal punto di vista delle commissioni;
  • Vicini ai clienti, con servizi di assistenza telefonica di qualità e disponibili anche in italiano;
  • Innovativi, sempre attenti a soddisfare le esigenze dei trader.

In questa guida, come in tante altre, ti consigliamo di registrarti su eToro (puoi farlo gratis qui) per utilizzare la leva finanziaria nel modo più efficace quando fai trading.

Questo broker è infatti uno dei pochissimi che ti permette di selezionare manualmente il livello di leva finanziaria che usi in ogni investimento. In questo modo puoi regolare il margine di volta in volta, adattandolo alla posizione che stai studiando. Questa funzionalità, per quanto fondamentale, è ignorata da quasi tutti gli altri broker autorizzati CONSOB.

Su MigliorBrokerForex.net trovi anche la recensione completa di eToro, che puoi utilizzare per scoprire di più su questa piattaforma. In ogni caso, ti rimandiamo al sito ufficiale per tutti i dettagli.

Comprendere i meccanismi della leva

Ora che abbiamo visto le basi, passiamo a spiegare come nella pratica la leva finanziaria ti aiuta a fare trading in modo più efficace. Per prima cosa, ecco come troverai spiegata la leva sui siti dei broker. Un esempio che puoi avere subito sotto gli occhi è il sito di FP Markets (visitalo cliccando quì).

  • 1:2 vuol dire che potrai investire il doppio della cifra che lasci come garanzia;
  • 1:5 vuol dire che potrai investire 5 volte più della somma che intendi usare come garanzia;
  • 1:10 vuol dire che potrai investire 10 volte più della somma che intendi usare come garanzia.

E via discorrendo.

La differenza tra i soldi che investi, e quelli che effettivamente hai sul conto, ti viene imprestata dal tuo broker. In cambio, finché la posizione rimarrà aperta, pagherai una piccola somma di interessi ogni giorno in automatico.

Questa piccola somma è nota come commissione di rollover, ed insieme allo spread è una delle due commissioni fondamentali del trading. Ma non devi avere paura di perdere più soldi di quelli che hai sul conto, perché per legge questo non è possibile. Le normative europee, infatti, stabiliscono che se il tuo investimento scende al di sotto della tua garanzia, questo verrà chiuso in automatico dalla piattaforma di trading. Nessuna eccezione.

Quando e quanto usare la leva

Ora passiamo ad un altro concetto molto importante: quanto dovresti usare la leva finanziaria nelle tue posizioni? La risposta dipende da tre elementi:

  • L’orizzonte temporale del tuo investimento;
  • Lo strumento finanziario sul quale vuoi investire;
  • I limiti previsti dalla legge.

Ovviamente, in primis dipende dal fatto che tu stia utilizzando un broker di trading online serio e autorizzato da Consob ad offrire i suoi servizi in Italia. Questa è la prima condizione, che quasi diamo per scontata. Se però ti stai interfacciando per la prima volta con il mondo del trading, è meglio ricordarlo.

Uno dei servizi migliori per affidabilità e sicurezza, che puoi usare facilmente, è eToro (puoi registrarti gratis qui e ricevere un conto di pratica gratuito). Prendiamo in esame ognuno di questi elementi separatamente, in modo da fare un discorso preciso e completo.

L’orizzonte temporale dell’investimento con leva

La leva finanziaria nasce per aiutare chi vuole fare trading speculativo, comprando e vendendo strumenti finanziari nell’arco di pochi giorni -o addirittura pochi minuti. Più breve è l’orizzonte temporale del tuo investimento, più la leva finanziaria ti torna utile. Immaginati, ad esempio, di voler investire su uno strumento che pensi possa aumentare di valore dell’1% nell’arco dei prossimi 7 giorni.

Investendo 5.000€ senza leva finanziaria, se anche tu avessi ragione, finiresti per guadagnare appena 50€ lordi. A questi dovresti togliere il 26% di imposte e lo spread, rimanendo con pochi spiccioli. Se invece usi una leva di 1:10, lo stesso investimento ti può fruttare 500€. Questo è già un guadagno molto più interessante, che giustifica il tempo passato a studiare e monitorare l’operazione.

come usare la leva finanziaria nel trading
In questa immagine puoi vedere come eToro ti permette di scegliere il livello di leva finanziaria, ogni volta che stai per aprire una nuova posizione

Al contrario, quando investi sul lungo termine dovresti ridurre il livello di leva finanziaria. Nell’arco di due anni in cui tieni un’azione, infatti, ci saranno sicuramente alti e bassi. Se usi una leva di 1:10, ti basta che per un momento l’azione perda il 10% del suo valore per perdere tutto il tuo deposito di garanzia.

Sui migliori broker online, puoi scegliere di volta in volta il livello di leva finanziaria che desideri. Lo puoi fare, ad esempio, utilizzando eToro (scopri come sul sito ufficiale).

Lo strumento sul quale investire

Non tutti gli strumenti finanziari ti richiedono lo stesso ragionamento per scegliere il livello migliore di leva finanziaria. Ci sono strumenti il cui valore cambia molto rapidamente, anche del 10% nell’arco di una sola giornata. L’esempio più classico sono le criptovalute, il cui valore è costantemente sulle montagne russe.

In gergo tecnico, si dice che questi strumenti sono molto volatili. E quando uno strumento è molto volatile, è meglio scegliere un livello di leva finanziaria più basso. Il motivo è simile a quello che abbiamo visto prima.

Se usi un livello di leva troppo alto, su uno strumento che in pochi minuti può cambiare di molto il suo valore, rischi che la tua posizione venga chiusa in perdita troppo presto. Magari avevi anche ragione, e il prezzo si muove dove speravi che andasse. Ma se prima fa qualcosa che non hai previsto, muovendosi contro la direzione del tuo investimento, rischi di non vedere mai i tuoi profitti.

Al contrario, alcuni strumenti sono poco volatili. Questo è il caso tipico delle coppie di valute, ad esempio, che possono metterci mesi prima di spostarsi di 1-2 punti percentuali.

In questi casi, una leva troppo bassa significherebbe che anche se tu avessi ragione sul trend in corso, andresti a guadagnare davvero poco. Oppure dovresti attendere molto, moltissimo tempo prima di vedere un profitto consistente. Quindi più un asset è volatile, meno devi usare la leva finanziaria. E viceversa: meno un asset è volatile, più devi usare la leva finanziaria.

I limiti di legge per l’uso della leva

Esistono delle leggi che normano l’argomento della leva finanziaria, imponendo ai broker dei limiti che vanno necessariamente rispettati. Se così non fosse, qualche broker malintenzionato potrebbe offrire leve finanziarie esagerate per attirare degli investitori sprovveduti.

Onde evitare tutto questo, è affidato ad ESMA il compito di stabilire delle regole. Questa commissione si occupa di monitorare le normative sul trading online in tutta Europa.

I broker rispettosi delle leggi come Plus500 (scopri i vantaggi sul sito ufficiale), sono tenuti a proporti dei livelli di leva finanziaria entro i termini previsti dalla regolamentazione attuale. Dal momento in cui usare una leva troppo bassa non è un rischio per gli investitori, non sono previsti dei limiti minimi al livello di leva. Al massimo si realizzeranno perdite e profitti molto piccoli.

Il regolatore europeo, dunque, stabilisce solo dei limiti massimi. Quelli attuali sono:

  • 1:30 per le coppie di valute più importanti;
  • 1:20 per le coppie Forex meno importanti, oro e indici di primaria importanza;
  • 1:10 per materie prime diverse dall’oro e indici di minore importanza
  • 1:5 per il trading delle azioni;
  • 1:2 per le criptovalute.

Qualunque broker ti offra leve maggiori, è un servizio di cui diffidare.

logo di Esma
Esma è l’ente europeo che si occupa di monitorare, tra le altre cose, i broker e la leva finanziaria da essi offerta

Per un controllo approfondito, ricorda che su MigliorBrokerForex.net coltiviamo un elenco aggiornato in tempo reale che segnala i broker truffaldini in circolazione.

Come si calcola la leva finanziaria ideale?

Molte persone ci fanno questa domanda diretta, alla quale non c’è una sola risposta. Non esiste una formula che ci permette di capire al volo quale sia il livello di leva giusto per un investimento.

In generale, dobbiamo chiederci quanto siamo disposti a rischiare sulla nostra posizione. Siamo convinti che il prezzo si muoverà dell’1%, ma siamo disposti a rischiare fino al 20% della posizione? Allora la leva ideale sarebbe 1:20.

Il margine di rischio, però, dipende da noi. Quindi la formula è soggettiva, e soprattutto si impara a gestire meglio la leva man mano che si fa esperienza. Il nostro miglior consiglio è quello di imparare facendo; prima elabori le tue strategie di trading, prima puoi capire quale sia il livello di leva che funziona meglio per te.

Per fare esperienza, la scelta più opportuna è quella di utilizzare un conto demo. FP Markets (registrati gratis sul sito del broker), ti permette di provare tutti i servizi della piattaforma utilizzando soltanto denaro virtuale.

Subito dopo esserti registrato, ti verranno accreditati 100.000 euro virtuali con i quali potrai provare sul campo a fare trading in leva, ma senza mettere a rischio il tuo capitale. Questo broker, autorizzato da Consob e sempre più amato dagli investitori, è molto favorevole agli utenti alle prime armi. Abbiamo scritto anche una recensione completa di FP Markets, dove trovi tutte le informazioni a riguardo.

Come fare trading con la leva finanziaria

Vediamo ora perché i trader alle prime armi perdono sistematicamente denaro per via della leva, analizzando gli errori drastici e più comuni. Lo faremo usando le stesse strategie trading che la nostra redazione applica da anni nello studio dei grafici e negli investimenti online. Nei giorni scorsi ci siamo anche confrontati a riguardo con alcuni dei nostri lettori più esperti.

trading con leva finanziaria guida completa
La leva finanziaria è uno degli aspetti che vanno gestiti con più attenzione nel trading online: scopri come farlo insieme a MigliorBrokerForex.net

Ci sono davvero tanti aspetti interessanti da conoscere. Ad esempio, scoprirai perché eToro (visita il sito ufficiale a questo indirizzo) è il miglior broker disponibile in Italia per chi fa trading con la leva finanziaria.

Perché fare trading usando la leva finanziaria

La leva finanziaria è stata, senza esagerare, la più grande rivoluzione del trading online insieme ai CFD. Prima che venisse introdotta, bisognava avere capitali importanti per avvicinarsi al mondo del trading. Immagina, ad esempio, di investire sul Forex con 10.000€.

Potresti attendere un mese intero prima di vedere una variazione positiva dell’1% su una coppia di valute, che pur investendo tutto il tuo capitale (cosa molto sconsigliata) ti frutterebbe 100€. In un contesto di questo tipo, per diventare un trader di professione bisognerebbe avere almeno 200.000€.

Con la leva gli effetti vengono invece moltiplicati. Anziché avere una variazione di 100€ avresti, usando una leva 1:20, una variazione di 2.000€. Questo rende il trading accessibile anche con cifre minime, nell’ordine delle centinaia di euro anziché centinaia di migliaia.

Sulle principali piattaforme di trading in circolazione, come quella di Capital.com (scoprila gratis da qui), oggi si può aprire un conto ed iniziare ad investire con appena 200€. Prima della leva finanziaria, un capitale di questo genere non sarebbe stato neanche lontanamente utile per un trader.

Moltiplicare il capitale con la leva ti permette di:

  • Muovere una percentuale minore del tuo conto quando devi investire;
  • Avvicinare il trading online in modo sensato, anche se hai cifre basse da investire;
  • Gestire come preferisci il rapporto tra rischio e rendimento delle tue operazioni;
  • Poter operare con efficacia anche su piccoli movimenti nel prezzo degli strumenti finanziari, facendo trading speculativo.

Come sempre, però, non è tutto oro quello che luccica. Se gestisci bene la leva finanziaria puoi moltiplicare i tuoi profitti; se la gestisci male, però, moltiplichi le perdite. Ecco perché devi essere prudente ed evitare gli errori -commessi da tanti trader- che trattiamo nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

Trading con leva: a cosa fare attenzione

La leva finanziaria ti permette di investire più denaro di quello che hai sul conto, il che aumenta la portata dei profitti e delle perdite. Questo lo abbiamo già accennato, ed è il concetto chiave da cui dobbiamo partire per analizzare gli errori comuni da evitare.

Per prima cosa, non devi pensare che più è alta la leva, meglio è. Non è assolutamente così e rischi di farti trascinare in operazioni molto rischiose da questo pensiero. La leva va aggiustata in base alle tue posizioni, in modo da utilizzare il livello ideale per ogni investimento. Più avanti nella guida vedremo come calibrare la leva a seconda delle circostanze.

Il secondo errore comune è quello di avere “pauradella leva, temendo che questa possa farci perdere più soldi di quelli che abbiamo sul conto.

D’altronde è una paura legittima per chi non conosce bene l’argomento. Se investo 90.000 euro ma ne ho solo 5.000 sul conto, cosa succederebbe se i miei titoli perdessero la metà del loro valore? In realtà questo non può succedere. Nel momento in cui la tua posizione dovesse perdere più soldi di quelli che hai effettivamente investito di tua tasca, l’investimento sarà chiuso in automatico dal broker.

Questo avviene in accordo con le leggi europee sulla protezione dal saldo negativo. I broker sono tenuti sempre a chiudere le posizioni dei clienti prima che possano perdere anche solo 0,01€ più di quanto hanno sul conto. Da ultimo, i trader principianti tendono ad usare sempre lo stesso livello di leva su tutte le posizioni. Niente di più sbagliato: bisogna regolare la leva di volta in volta, a seconda del tipo di investimento.

Se vuoi provare gratis e senza rischi il trading in leva, puoi registrare subito un account su Plus500 (clicca qui). Il broker ti metterà a disposizione 40.000€ virtuali con cui esercitarti senza mettere in gioco il tuo capitale.

Come gestire la leva finanziaria

A questo punto dobbiamo entrare nel vivo della nostra spiegazione. Qui vediamo come scegliere con saggezza il livello di leva finanziaria delle nostre posizioni. Vedremo esattamente quali sono i fattori di cui tenere conto, usando un sistema che può essere replicato facilmente anche dai trader meno esperti.

come scegliere la leva finanziaria nel trading online
Questi sono i quattro punti fondamentali che ti aiutano a scegliere il livello di leva finanziaria ideale nelle tue operazioni di trading – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Non sono “segreti” del trading, ma semplici concetti che di norma si imparano tramite errori ed esperienza. Continuando a leggere, potrai risparmiare buona parte di questi errori imparando dall’esperienza che altri hanno già fatto.

Intanto ti consigliamo di aprire il sito di eToro (quello ufficiale lo trovi qui), magari registrando rapidamente un conto demo. Ti sarà più semplice seguire la spiegazione con una piattaforma di trading aperta davanti a te.

#1 Volatilità dello strumento finanziario

La prima cosa di cui devi sempre tener conto è lo strumento finanziario su cui stai aprendo la tua posizione.

Ci sono strumenti più volatili, come le materie prime, ed altri meno volatili come le valute. Gli strumenti volatili sono quelli che aumentano e diminuiscono di valore rapidamente, registrando variazioni molto significative anche all’interno di una sola giornata. Per contro, gli strumenti poco volatili sono quelli il cui valore tende a rimanere stabile nel tempo o a variare di poco.

La leva finanziaria fa aumentare le oscillazioni delle tue posizioni. Se un asset cambia valore dell’1% ma usi una leva 1:5, la variazione diventa del 5%. Quando fai trading di strumenti poco volatili, alzare il livello di leva ti aiuta a rendere più importanti i tuoi movimenti del conto. Anziché registrare piccole variazioni del tuo capitale, potrai portarle dove lo desideri.

Al contrario, quando fai trading di strumenti molto volatili, dovresti usare una leva bassa. In questo modo eviti di mettere il tuo investimento sulle montagne russe, registrando scossoni importanti e magari una chiusura anticipata in perdita.

#2 Orizzonte temporale

L’orizzonte temporale del tuo investimento può essere più breve o più lungo. Se l’orizzonte è breve, significa che pensi di chiudere il tuo investimento in poche ore o pochi giorni; al contrario, investire sul lungo termine significa puntare al rendimento nel corso di mesi o anni.

Ecco che si apre un altro spunto per gestire meglio la leva finanziaria.

Sul breve termine gli strumenti finanziari registrano mediamente variazioni più piccole. Quindi conviene aumentare la leva finanziaria, per portarli a generare delle variazioni interessanti.

Sul medio e lungo termine, invece, le variazioni sono decisamente più importanti. Possono mettersi di mezzo anche eventi inattesi, come notizie o report che cambiano di molto il prezzo di uno strumento. Sul lungo termine, se investi con una leva eccessiva, rischi che la tua posizione venga chiusa in perdita prima di raggiungere il punto che stavi aspettando.

Questo è uno degli errori che può costarti più caro nel trading. La leva finanziaria è sempre un argomento delicato, ma lo diventa ancora di più quando si investe sul lungo termine.

In tutto ciò, stiamo dando per scontato un concetto. Devi sempre conoscere l’orizzonte temporale delle tue posizioni. Se non lo stai già facendo, questo rischia di compromettere il tuo conto e la tua performance.

Anche se non puoi sapere esattamente quando il prezzo raggiungerà un certo livello, dovresti almeno avere un riferimento (ore, giorni, settimane, mesi o anni). Se vuoi imparare di più sui concetti fondamentali del trading online, ti consigliamo di guardare le videolezioni gratuite di Capital.com (puoi registrarti qui).

#3 Profilo personale di rischio

I primi due punti non bastano per concludere del tutto il nostro discorso. Di fronte allo stesso strumento, in un investimento con la stessa durata, due investitori potrebbero comunque decidere di usare due livelli di leva diversi.

Ecco perché non esiste il livello perfetto di leva finanziaria, né si può trovare una formula per calcolarla valida per tutti. Se sei un trader con la “mano pesante“, che tende a rischiare di più nelle sue posizioni, dovresti usare dei livelli di leva in media più alti.

Al contrario, i trader più prudenti tendono a usare livelli più bassi o addirittura ad evitare del tutto la leva finanziaria. Questo è un elemento del tutto personale, in cui non esiste un atteggiamento giusto e uno sbagliato.

Inizialmente, però, ti consigliamo di utilizzare dei livelli di leva finanziaria più bassi per prendere la mano con il trading. Man mano che diventi più bravo, più esperto e consapevole, hai sempre la possibilità di aumentare il rischio delle tue posizioni; se invece finisci i soldi sul conto prima di aver fatto esperienza, diventa un problema.

Usando il conto demo di Plus500 (lo trovi gratis a questo indirizzo) puoi anche esercitarti ad usare una leva più alta, ma senza correre rischi grazie al denaro virtuale gratuito.

#4 Probabilità di buona riuscita

Questo ultimo punto è strettamente legato a quello di prima. Quando siamo sicuri dell’investimento che stiamo facendo, ha senso aumentare il livello di leva finanziaria.

Il motivo è semplice: da una parte aumentiamo la nostra esposizione finanziaria, ma dall’altra crediamo che il rischio di questa decisione sia ridotto. Quando non siamo sicuri di quello che stiamo facendo, la cosa migliore è non investire. Questa è la regola generale.

In alcuni casi, però, siamo sicuri ma temiamo che possano mettersi di mezzo degli imprevisti. Magari si rischia un rimbalzo prima che il prezzo raggiunga il livello che prevediamo, oppure ci sono altri elementi di incertezza. In questo contesto, la cosa che possiamo fare per ridurre il rischio e l’esposizione è aprire un investimento con leva ridotta.

Conclusioni

Come abbiamo avuto modo di vedere nel corso del nostro approfondimento, la leva finanziaria è uno strumento prezioso per chiunque voglia iniziare oggi l’attività di trading partendo da piccole cifre, in quanto permette di moltiplicare per n volte il budget iniziale; questo si traduce in un’arma a doppio taglio per il trader, quindi occorre fare attenzione, studiare, fare analisi ed approfondire i mercati.

Con questo speriamo di aver chiarito tutti i tuoi dubbi sulla leva finanziaria nel trading online. Se dovessi avere dubbi, in ogni caso, la redazione di MigliorBrokerForex.net è sempre felice di aiutare i lettori nei commenti.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments