miglior broker forex

Guida al trading euro/yen giapponese (EUR/JPY)

Online il - Aggiornato il

Di Antonio Possentini

miglior broker forex

L’euro e lo yen giapponese sono tra le valute più importanti al mondo, insieme alla sterlina inglese ed ovviamente al dollaro americano.

Queste quattro sono le valute considerate “rifugio” ed è comune per molte nazioni in via di sviluppo ancorare ad esse il valore della propria moneta nazionale.

Il cross tra euro e yen giapponese è di conseguenza un mercato molto liquido, che ogni giorno registra scambi nel volume dei miliardi di euro.

Per chi fa forex trading, dunque, è uno degli strumenti più importanti da conoscere e sui quali sapersi muovere.

In questa guida andremo a spiegare le basi del trading online sulla coppia di valute EUR/JPY ed i principali elementi che ne determinano la direzione dei trend.

eur/jpy guida trading
Euro e Yen Giapponese sono due delle valute più negoziate al mondo, ed il loro cambio è sempre molto seguito dai Forex traders – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Per estrarre il massimo da questi concetti ti consigliamo di avere un grafico dell’andamento del cambio.

Puoi registrarti gratuitamente ad eToro cliccando qui e avere subito accesso al grafico storico aggiornato in tempo reale.

EUR/JPY, cose da sapere

Incominciamo dicendo che malgrado la liquidità che tutti i giorni fluisce nel mercato, questa coppia rimane molto volatile.

Lo yen giapponese, infatti, è considerata la più dinamica tra le principali valute delle economie sviluppate; molta volatilità significa anche molte occasioni interessanti per i trader, ed è per questo che risulta un cross così interessante.

L’euro, dall’altra parte, è una moneta più stabile che rappresenta l’espressione di 27 tra le economie più influenti al mondo.

Il fatto di avere una valuta volatile ed una più stabile crea una via di mezzo equilibrata tra rischio e prevedibilità.

Gli orari più interessanti per negoziare questa coppia sono tra le 8 e le 10 di mattina.

In queste due ore, infatti, sia in Giappone che in Europa sono ancora attivi molti fondi di investimento e trader privati, che fanno confluire liquidità nel mercato da entrambi i fronti.

Diamo anche uno sguardo ai costi di commissione che vengono applicati mediamente sul cambio tra euro e yen giapponese.

Trattandosi di due valute molto liquide, utilizzando una piattaforma come Plus500 scoprila sul sito ufficiale – possiamo avere uno spread di appena 1,5 centesimi di yen (pari a meno dello 0.01% del valore del cambio).

Costi davvero bassi, dunque, che agevolano senza dubbio chi fa trading intraday e scalping sul Forex.

EUR/JPY, le principali variabili di cui tener conto

Come sempre una coppia di valute è influenzata dall’andamento delle due economie che vengono rappresentate nel cambio.

Europa e Giappone sono considerati due vecchi colossi della macroeconomia, con un grande passato alle spalle che sta venendo offuscato dall’arrivo di nuove potenze mondiali.

Al contrario degli Stati Uniti, infatti, queste due zone stanno dimostrando di non riuscire a sostenere per periodi prolungati di tempo dei tassi di crescita interessante.

Sono anche due delle zone con l‘età media più alta in assoluto e con problemi rilevanti di debito pubblico.

Ovviamente la situazione europea risulta più eterogenea, dal momento che fanno parte dell’Unione anche paesi emergenti come Romania, Polonia e Ucraina.

Per il Giappone, invece, sembra esserci un futuro incerto fatto di una decrescita sostenibile.

Scindendo le caratteristiche dell’UE e della nazione del Sol Levante, andiamo a vedere singolarmente le variabili più critiche che influenzano il cambio tra euro e yen giapponese.

Il ruolo dell’euro

L’euro è una valuta in fase di transizione, che sta gradualmente passando da un regime di quantitative easing ad un periodo di rialzo dei tassi centrali.

Durante il decennio in cui Mario Draghi è stato Presidente della Banca Centrale Europea, infatti, la BCE ha prestato denaro alle banche private ad un tasso molto agevolato.

euro yen giapponese
Previsioni del quadro macroeconomico europeo per il 2019 – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Ora l’economia dell’area Euro si sta gradualmente riprendendo, per cui i vertici della BCE stanno gradualmente rialzando i tassi.

Per il momento, comunque, questi rimangono ancora fermi allo 0,00%. Sarà solo nei prossimi anni che vedremo scattare, se succederà davvero, dei rialzi.

Nel frattempo la crescita procede in modo scostante, attestandosi nel complesso ad una percentuale inferiore al 2% l’anno.

Economie come quella italiana, francese e tedesca stentano a far segnare anche semplicemente un +1%.

Nel frattempo le zone dell’Est Europa compensano, ma sono ancora lontane dai ritmi di crescita del Far East asiatico.

In alcuni paesi come Spagna, Italia e Irlanda è particolarmente sentita la questione del debito pubblico, che cavalca anche per via di un’eccessiva spesa pubblica verso valori preoccupanti.

Infine in questo momento è di particolare importanza la vicenda Brexit, che dopo un’odissea che ha pesato tanto sull’UE quando sul Regno Unito volge a conclusione.

In un contesto di questo tipo, i dati più importanti di cui tenere conto sono:

  • Gli eventuali rialzi dei tassi di interesse nel corso del tempo;
  • L’andamento del tasso di inflazione, che per assicurare una giusta crescita all’economia dovrebbe assestarti nel range del 2-3% annuo (al momento è l’1,7%);
  • I dati sulla crescita, ed in particolare quelli sulla crescita delle economie più sviluppate che dovrebbero riuscire a trovare più slancio;
  • Gli effetti di Brexit sulla crescita economica, sulla bilancia commerciale tra Europa e Regno Unito e sul settore finanziario europeo.

Il ruolo dello yen giapponese

Lo yen giapponese ha un ruolo altrettanto importante, e forse più facile da determinare.

L’economia nipponica sta vivendo un periodo difficile. La leadership acquisita nel settore dell’elettronica di consumo negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso ormai è sfumata.

yen previsioni
Previsioni 2019 per il quadro macroeconomico giapponese – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Tra le industrie manifatturiere, è per lo più quella automobilistica che riesce ancora a trainare il ruolo del Giappone come polo produttivo asiatico.

Nel frattempo, con un rapporto deficit/PIL superiore al 200%, il Giappone è uno degli stati sovrani sviluppati più indebitati in assoluto.

L’eccessivo indebitamento sta portando molte persone a considerare soltanto tre scenari per il futuro a medio termine:

  • Un default governativo, l’ipotesi meno probabile;
  • Una larga produzione di nuova moneta che vada a svalutare il debito pubblico, facendo però schizzare in alto l’inflazione e la svalutazione della moneta;
  • Misure di forte contenimento della spesa pubblica e aumento significativo della tassazione per creare surplus primario con cui diminuire l’indebitamento.

Nessuna delle tre opzioni è granché rosea.

Non solo, ma il PIL si attesta su livelli più bassi di quelli del 1995. Molto più bassi (quasi il 7% in meno).

Nel complesso, si tratta di un’economia che sta affrontando tempi difficili e che rischia solo di andare incontro a tempi ancora più difficili.

Previsioni EUR/JPY

Veniamo alle previsioni, come ormai è d’abitudine nelle guide di MigliorBrokerForex.net che riguardano il trading sulle coppie di valute forex.

Come sempre dobbiamo ricordare che non abbiamo nessuno strumento magico per predire il futuro, ma una semplice comprensione dello scenario macroeconomico.

Qui vogliamo dunque sottolineare gli scenari più probabili e darti degli spunti che potrai poi usare nelle tue decisioni di trading online.

Qui avere il grafico a disposizione (puoi usare quello di eToro che trovi qui) è ancora più utile.

Previsioni di breve termine su Euro – Yen

Nel breve termine è molto probabile che a condizionare l’andamento dei cambi siano le principali questioni di politica internazionale che stanno preoccupando i mercati.

Ci riferiamo prima di tutto alle guerre doganali che, cominciate negli Stati Uniti, stanno ora espandendo il loro effetto anche all’economia giapponese e a quella europea.

In questo momento è probabile che assisteremo ad una fase altalenante di mercato, segnata per lo più dai dati macroeconomici che ci vengono mostrati giorno per giorno dal calendario economico.

Se allunghiamo l’orizzonte temporale oltre i 3 mesi, invece, inizia ad emergere un trend ribassista per via della minore inflazione che al momento segna lo yen giapponese.

Il tasso di inflazione nipponico, infatti, per il momento si attesta intorno allo 0,6%: ancora ben lontano dal target della banca centrale, che sta facendo il possibile per riportarlo intorno al 2%.

Previsioni di medio/lungo termine

Se allunghiamo il nostro orizzonte temporale diventa invece tutto basato sulle reazioni dell’economia giapponese all’eccessivo debito che in questo momento segna la nazione.

In un primo momento è probabile che non sia l’inflazione il mezzo della Bank of Japan per uscire dalla crisi del debito.

Per ora, infatti, è soprattutto la politica fiscale che sta segnando un graduale aumento del gettito con cui ripagare chi ha investito nei titoli di Stato.

La sales tax (equivalente della nostra IVA) è già stata raddoppiata, e sono previsti ulteriori aumenti. Malgrado ciò, è appena al 8%.

Per confronto, in Italia l’IVA è quasi tripla rispetto a quella giapponese.

Con il passare degli anni, tuttavia, diventa via via più evidente il fatto che la politica fiscale non sia sufficiente a risanare da sola un debito pubblico che si attesta al 230% (e oltre) del PIL.

Nel caso in cui la politica economica dovesse svoltare su un’inflazione aggressiva per produrre svalutazione del debito, allora è molto probabile che sia l’euro ad attraversare un periodo di forte rafforzamento nei confronti della valuta nipponica.

Come fare trading su EUR/JPY

Da ultimo, vogliamo fare delle considerazioni pratiche che possono aiutarti a fare trading su questo crosso di valute nel migliore dei modi.

Nella sezione conclusiva vogliamo concentrarci, infatti, sui migliori broker per fare trading di EUR/JPY.

Se stai valutando la possibilità di migliorare le tue capacità come trader, infatti, è davvero fondamentale avere una piattaforma che ti assista in ogni momento.

Ce ne sono due in particolare che vogliamo consigliarti.

1° broker consigliato per trading euro / yen

Il primo è Plus500 (visita il sito ufficiale), un broker molto famoso che si è fatto conoscere anche grazie alla partnership ufficiale con l’Atletico Madrid.

Se stai cercando commissioni basse, una piattaforma di trading professionale ed un valido supporto dell’assistenza, questo broker non può deluderti.

logo plus500
Plus500 è uno dei broker che hanno fatto la storia del trading online in Italia

In Italia è stato uno dei primi operatori ad arrivare nel settore, ed ancora oggi rimane ai vertici di popolarità e gradimento degli utenti.

Come accennavamo prima, lo spread su EUR/JPY è appena di 1,5 pip. L’iscrizione è totalmente gratuita e puoi farla qui.

2° broker consigliato per trading euro / yen

Il nostro secondo broker raccomandato è eToro (maggior informazioni qui).

logo etoro
eToro è un broker molto conosciuto per via delle sue funzionalità “social trading” e “copy trading”

La grande particolarità di questo broker è che ti permette di fare trading come un professionista, anche se sei ancora ai primi passi in questo mondo.

Grazie alle funzionalità di social trading (scoprile qui), infatti, puoi analizzare la performance di migliaia di trader già navigati che speculano sul cambio euro/yen.

Quando lo desideri puoi ordinare alla piattaforma di copiare in automatico gli investimenti di uno o più di questi trader, rendendo del tutto passiva la gestione del tuo capitale.

Puoi provare subito le funzionalità di social trading registrandoti gratis sul sito ufficiale.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments