miglior broker forex

Comprare azioni Pinterest e quotazioni in tempo reale

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Torniamo anche oggi a parlare di occasioni di investimento ed azioni occupandoci di un titolo che sta facendo già da tempo parlare di sé, ovvero le azioni Pinterest.

Un titolo, questo, che la fa da maggiore tra quelli scambiati quotidianamente nella borsa di New York, proprio in virtù della sua posizione dominante nel settore digitale e dei servizi.

Ma come possiamo essere certi di comprare azioni Pinterest mediante il canale più appropriato? Come possiamo essere certi di seguire le stesse strategie adottate dai più grandi esperti in fatto di trading in azioni?

Nel corso di questo articolo, vedremo tutte le ragioni per cui la migliore soluzione che abbiamo a nostra disposizione è quella di affidarci a un broker CFD, come appunto eToro (che qui puoi testare anche con una demo gratis).

Utilizzando proprio l’esempio dei titoli Pinterest, inoltre, forniremo qualche consiglio generale sul mondo del trading, cercando di aiutare i nostri clienti a muoversi con quanta più sicurezza possibile anche in questo mondo.

Comprare azioni Pinterest
Comprare azioni Pinterest – guida pratica per iniziare

Per avere successo nel mondo del trading online, infatti, è necessario utilizzare le giuste tecnologie e i giusti canali di investimento.

Per questa ragione, può essere sempre utile avere sotto mano una rapida e agile guida al trading online, in modo da avere sempre fresche in memoria le regole più importanti per un’esperienza di trading positiva.

Per aumentare il livello di comprensione e dimestichezza con i termini e i concetti che useremo nella nostra guida, ti consigliamo di aprire un conto demo con Plus500, un broker tra i più affidabili in circolazione e, inoltre, uno di quelli che ti potrà aiutare maggiormente con i tuoi titoli Pinterest.

Di cosa parleremo nella nostra guida sulle azioni Pinterest?

Cominciamo allora vedendo quali sono le operazioni preliminari che dovremo compiere ogni volta che investiamo in un nuovo titolo – nel nostro caso le azioni Pinterest:

  • Conoscere i fondamentali dell’azienda: dobbiamo, in altre parole, sapere se l’azienda su cui stiamo investendo sia o meno in una buona condizione economica.

Conoscere l’azienda che emette le azioni a cui ci stiamo interessando, infatti, rappresenta la prima chiave per un’esperienza di trading potenzialmente fruttuosa, dal momento che sapremo di stare investendo su una società fiorente o con delle ottime possibilità di sviluppo.

  • La borsa dove è quotata Pinterest: in quale borsa potremo scambiare le nostre azioni Pinterest?

Si tratta di un’informazione tutt’altro che di poco conto, dal momento che ogni borsa non solo ha le sue regole specifiche, ma anche orari e lingue diverse.

Sapere dove il tuo titolo viene scambiato ti permetterà di seguirlo nel migliore dei modi.

  • Non investire tramite la banca: assicurati, inoltre, di non rivolgerti alla tua banca per le tue operazioni di trading, dal momento che si tratta di un canale poco conveniente e antiquato.

Broker come FP Markets (che qui puoi testare con una demo gratis), al momento, offrono infatti molto di più di quanto possono fare i normali istituti di credito, motivo per il quale consigliamo di scartare immediatamente ogni proposta di investimento che potresti ricevere dalla tua banca.

  • Perché affidarsi ad un broker CFD: vedremo perché i broker CFD sono in assoluto la migliore opzione che abbiamo se ci interessa scambiare i nostri titoli in maniera sicura e potenzialmente di successo.

Investire in azioni con eToro (investi qui con capitale virtuale), come vedremo allora nel corso di questa nostra guida, è assolutamente la strategia che ci sentiamo di consigliare a ciascuno dei nostri lettori.

  • Quotazioni e grafico delle azioni Pinterest: infine, vedremo insieme perché è fondamentale che ogni investitore provetto impari quanto prima a leggere e interpretare i dati contenuti nei grafici relativi all’andamento dei nostri titoli.

Grazie ai grafici gentilmente messi a nostra disposizione da Plus500 (qui per saperne di più sul sito ufficiale del broker), potrai del resto farti un’idea di che tipi di strumenti ha a disposizione un broker, e quindi su cosa dovrai concentrare i tuoi primi studi in materia di trading.

Partiamo subito!

Pinterest: fondamentali societari, fatturato e posizione di mercato

Pinterest è un social media ormai presente sul mercato da 10 anni. È il servizio più utilizzato per salvare informazioni e per condividerlo, compresi URL, GIF e anche video.

Il sito ha raggiunto 300 milioni di utenti attivi e continua ad essere uno dei punti di riferimento del web a livello internazionale.

Siamo davanti ad un gruppo con quasi 14 miliardi di dollari di capitalizzazione, che genera introiti tramite i pin pubblicitari, ovvero con la possibilità di far circolare maggiormente alcuni post.

Per quanto riguarda gli introiti, siamo davanti ad un gruppo che genera circa 750 milioni di dollari (o almeno, li ha generati nel 2019) e che però ha fatto registrare oltre 60 milioni di euro di truffa.

Siamo davanti ad un gruppo che ha chiuso l’ultimo anno in perdita, ma che al tempo stesso deve questo bilancio negativo a recenti acquisizioni che hanno allargato in modo deciso il parco di aziende sotto il cappello di Pinterest.

Se non sei convinto dei fondamentali economici di Pinterest, puoi comunque Partire con un conto demo di eToro, che ti permette appunto di andare ad investire con un conto demo gratuito.

Tutte o quasi le aziende di questo settore, soprattutto mentre si stanno allargando, fanno registrare dei bilanci in negativo. Questo non dev’essere necessariamente considerato come un problema.

Anche quelli che oggi sono giganti del web, come puoi verificare appunto con un conto demo con Plus500.

Dove è quotata Pinterest? Qual è il miglior canale per investire?

Come abbiamo detto durante l’apertura della nostra guida, Pinterest è quotata a New York, precisamente al Nyse. Siamo paradossalmente al di fuori del NASDAQ, che è l’indice che in genere raccoglie i titoli del settore tech.

Non cambia nulla per noi che vogliamo investire. Certo, andare ad operare sul mercato americano può essere problematico a livello di orari, perché appunto dovremo adattarci al fuso orario se volessimo appunto seguire giorno per giorno i nostri investimenti in azioni Pinterest.

Quello che dobbiamo fare è appunto andare ad investire con broker che sono in grado di offrirti grandi piattaforme, come ad esempio appunto viene offerto da FP Markets con Iress Platform.

Con questo tipo di broker puoi andare a gestire i tuoi investimenti, anche quando sei lontano dal PC. Siamo davanti ad una grande possibilità, che le banche però ci precludono.

Perché non rivolgersi alle banche per investire in azioni Pinterest

Partiamo allora vedendo perché sconsigliamo, praticamente in quasi ogni caso, di procedere con i tuoi investimenti servendoti degli strumenti che ti vengono messi a disposizione dalla tua banca.

Per seguire più da vicino la nostra spiegazione, potresti aprire un conto demo con eToro, del tutto gratuito, e verificare direttamente con i tuoi occhi tutti i vantaggi che ti presenteremo nel corso delle prossime sezioni.

1. I costi delle banche sono troppo alti

Per cominciare, investire in borsa mediante la propria banca è una scelta poco consigliabile dal punto di vista economico.

Non è raro, infatti, vedere banche che esigono commissioni e fees altissime e, per di più, applicate anche su ogni singola transazione che faremo.

Di contro, broker come Plus 500 offrono trading a zero commissioni anche sui titoli scambiati all’estero – laddove una banca potrebbe, per la stessa operazione, arrivare a chiedere anche diverse decine di euro.

Pensiamo allora ai piccoli investitori, oppure a tutti quelli che vogliono dedicare al trading solo pochi euro: si troverebbero, nei fatti, a dover pagare alla propria banca interessi e spese che finirebbero per annullare quanto hanno guadagnato.

2. Strumenti, piattaforme e ordini: i broker CFD superano le banche

Un altro problema posto dagli investimenti effettuati mediante le banche è rappresentato dal fatto che queste ultime dispongono di tecnologie davvero scadenti rispetto ai migliori broker di azioni:

  • Piattaforme di bassa qualità: piattaforme che deludono in fatto di gestione degli ordini, analisi del grafico e altri aspetti più tecnici. Broker come FP Markets ti permettono di usare programmi come Iress Platform o, per i più esperti, piattaforme di altissimo livello come la nota MetaTrader.
  • ;
  • Assenza di servizi aggiuntivi: le banche non offrono moltissimi servizi essenziali per poter sfruttare al meglio il mercato. Pensiamo per esempio all’innovativo sistema di Copy Trading offerto da eToro, che una banca non ti permetterà di utilizzare in alcuna forma;
  • Scelta di titoli: con Plus500 (qui per una demo gratis) avrai un ventaglio di scelta che può superare i 1.000 titoli, cosa che una banca difficilmente sarà in grado di offrirti alle stesse condizioni;
  • Vendita allo scoperto: con i broker, potrai puntare sul ribasso di un titolo – strategia importantissima anche per le tue azioni Pinterest. Le banche, invece, non potranno offrirti questo fondamentale strumento.

3. La banca spingerà per farti investire in titoli spazzatura

Del resto, le banche più comuni hanno smesso da ormai diversi anni di essere un punto di riferimento per gli investimenti dei propri clienti.

È molto più frequente, al contrario, vedersi contattare dalla propria banca solo per proposte di acquisto di titoli e prodotti azionari astrusi e decisamente poco allettanti – pensiamo a prodotti come i fondi comuni di investimento, o ancora alle polizze unit linked e, infine, ai PAC.

Nessuna di queste metodologie di investimento, è bene chiarirlo, potrà sostituire gli investimenti diretti in azioni, gli unici che ti permettono di avere il meglio offerto da questo tipo di mercati.

Quello che ti serve, allora, è di avere accesso diretto ai mercati che più ti interessano: una possibilità, questa, che ti viene offerta solo da broker come eToro (che qui puoi testare anche con una demo gratis).

Grafico e quotazioni in tempo reale azioni Pinterest

Quello che ti proponiamo qui di seguito è il grafico relativo allo storico delle azioni Pinterest di cui ci siamo occupati nell’articolo di oggi.

Per questo grafico, ringraziamo Plus500 (qui per il sito ufficiale del broker), che ci ha permesso di utilizzarlo come esempio da mostrare ai nostri lettori.


Imparare a leggere e interpretare questo tipo di grafico è assolutamente essenziale per qualsiasi investitore, perché si tratta dello strumento più importante per seguire in completa autonomia l’andamento dei propri titoli, che si tratti di Pinterest o di altre azioni.

Se deciderai di aprire un conto demo gratis con Plus500, potrai continuare a impratichirti sull’analisi delle quotazioni in tempo reale.

Leggi qui la nostra recensione su Plus500.

Conclusioni: conviene investire in azioni Pinterest?

Per concludere, nel corso di questa guida hai avuto modo di vedere quali sono tutti i passaggi da mettere i pratica nel caso tu decida di investire in titoli Pinterest.

Grazie alle informazioni che ti abbiamo fornito, sarai in grado di decidere in maniera del tutto autonoma se questo tipo di investimento possa o meno fare al caso tuo.

Ti ricordiamo, infine, che il mondo del trading è caratterizzato da un alto livello di imprevedibilità: non esistono formule magiche o algoritmi miracolosi per diventare ricchi, ma solo impegno, competenza e fortuna.

Su MigliorBrokerForex.net troverai sempre i nostri consigli più importanti per investire, in modo da poter prendere le tue scelte in maniera consapevole e sicura.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments