miglior broker forex

Guida al trading GBP/JPY

Online il - Aggiornato il

Di Antonio Possentini

miglior broker forex

La sterlina inglese (GBP) e lo yen giapponese (JPY) sono due tra le valute più negoziate al mondo, ed entrambe vengono considerate di primaria importanza nel Forex trading.

Per conoscere a fondo questo cambio, però, non basta studiare il suo grafico. Anche facendolo con attenzione, la sola analisi tecnica non è sufficiente.

Bisogna conoscere dei fondamenti di macroeconomia che stanno alla base dei movimenti di prezzo, e che spiegheremo in questa guida.

Andremo a vedere tutti gli aspetti che un trader non può mancare di conoscere, specialmente quando è alle prime armi nel mondo del Forex.

guida al trading sterlina yen giapponese
Sterlina inglese e Yen giapponese sono due tra le valute più importanti al mondo – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Avremo modo di descrivere, ad esempio:

  • Lo stato di salute che l’economia inglese sta dimostrando ora, in uscita dalla Brexit, e le relative politiche monetarie applicate dalla banca centrale;
  • Il problema del debito giapponese e dell’inflazione che non riparte, creando scompiglio nei ranghi della Bank of Japan;
  • I migliori broker che, come Plus500 (vai al sito ufficiale) si dimostrano particolarmente efficaci nel dare ai trader basse commissioni e alti standard di servizio nel trading di GBP/JPY.

Le basi del trading su GBP/JPY

Cominciamo dai concetti più semplici, che per molti aspetti sono anche quelli più importanti.

Sterlina e yen giapponese sono “valute rifugio“, quindi valute molto stabili che vengono considerate sicure anche quando l’economia internazionale è in recessione.

Questo status, acquisito nel corso di decenni di stabilità ed espansione economica, implica tre cose:

  • Il mercato del cambio GBP/JPY è molto liquido, ricevendo miliardi di euro tutti i giorni come controvalore delle operazioni;
  • La volatilità è bassa, quindi nelle giornate di trading “normali” non si ha a che fare con grandi movimenti di prezzo;
  • I broker, specialmente Trade.com (visita il sito ufficiale) tendono ad offrire condizioni di negoziazione molto vantaggiose su questo cambio.

Inoltre il cambio attira l’interesse delle rispettive banche centrali, che cercano di mantenerlo in una condizione vantaggiosa per entrambe le parti.

Proprio il fiume di denaro che le banche centrali utilizzano per manipolare il cambio, modificando le riserve di valuta straniera, è uno degli elementi più interessanti dell’intero discorso.

Chi riesce ad anticipare queste mosse, che non hanno un fine speculativo ma di semplice equilibrio, può infatti approfittare della liquidità immessa sul mercato per accaparrarsene una parte.

Tutto questo, però, si comprende meglio nel momento in cui andiamo ad approfondire singolarmente il ruolo che ognuna delle due valute gioca all’interno del cambio.

Il ruolo della sterlina inglese

La sterlina, non è una novità, è una delle valute più importanti al mondo. Anche ora che l’Impero Britannico è solo un ricordo, mantiene comunque una grande rilevanza internazionale.

Chiaramente non è allo stesso livello del dollaro americano, ma è comunque una di quelle monete su cui gli investitori si rifugiano in tempi di incertezza.

Non solo, ma la politica economica della Gran Bretagna influenza in modo diretto altre nazioni: in molti territori oltremare, dalle isole Falkland a Gibilterra, si utilizzano valute il cui valore è ancorato alla sterlina.

Inoltre l’economia inglese gioca un ruolo importante nello scacchiere internazionale, essendo la sesta più grande al mondo e una tra le principali per PIL pro capite.

Tutta questa stabilità e sicurezza, però, è stata seriamente destabilizzata nel corso degli ultimi anni:

  • La Brexit è stato il più macroscopico elemento di incertezza, portando ad una serie di elezioni e rielezioni durata oltre tre anni;
  • La ridotta crescita di tutta Europa ha rallentato anche l’economia dello UK, che si è trovato di fronte ad un indebolimento dei suoi principali partner commerciali;
  • Le conseguenze del nuovo governo non sono ancora del tutto evidenti sui mercati, aggiungendo un livello di incertezza ulteriore.

I prossimi anni si dimostreranno determinanti per l’economia del Regno Unito, che ora dovrà dare prova di quel che può fare nella sua nuova versione extra-UE.

Intanto andiamo ad analizzare i principali dati macroeconomici:

  • La crescita del PIL prevista dalla Bank of England per l’anno in corso è del 1,2%;
  • Il tasso di inflazione, quest’anno, dovrebbe assestarsi intorno al 1,80%. In questo, sicuramente il fatto di avere una moneta propria anziché l’euro è favorevole per il Regno Unito;
  • Il tasso di interesse centrale applicato dalla Bank of England è dello 0,75%. Anche in questo caso, una rilevazione migliore di quella aggregata europea.
sterlina trading online
Brexit è la questione prioritaria per la sterlina inglese, insieme al problema di un’eventuale doppia secessione di Irlanda del Nord e Scozia – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Per maggiori dettagli sui dati macroeconomici britannici, ti consigliamo di fare riferimento al calendario economico di Plus500 (vai al sito ufficiale).

Il ruolo dello yen giapponese

Lo yen giapponese è altrettanto una valuta importante, sicuramente la più stabile e sicura del Far East asiatico.

Il problema è che il nuovo decennio si è aperto in una condizione piuttosto difficile per tutti i settori dell’economia giapponese, che si ritrova ad affrontare un periodo difficile.

La crescita è stagnante, il debito pubblico allarmente, e il governo è sovente chiamato ad aumentare il livello di tassazione per evitare di ritrovarsi con le casse pubbliche vuote.

Il debito pubblico giapponese si attesta ormai intorno al 230% del PIL, un livello talmente alto da far sembrare piccolo il debito italiano.

Inoltre molti settori che tradizionalmente hanno visto il successo delle imprese giapponesi si trovano ora minacciati dalla concorrenza internazionale:

  • L’elettronica di consumo ha lasciato il Giappone per delocalizzarsi soprattutto in Cina;
  • La produzione di componenti elettroniche si è spostata nuovamente verso la Cina, e in alcuni casi verso Thailandia e Vietnam;
  • Le industrie automobilistiche di tutto il mondo stanno soffrendo un rallentamento del settore, incluse e forse soprattutto quelle giapponesi.

Così, ad oggi, sembra un po’difficile riuscire ad immaginarsi uno yen che sui mercati internazionali si dimostra forte e competitivo.

yen previsioni
Previsioni 2019 per il quadro macroeconomico giapponese – Infografica a cura di MigliorBrokerForex.net

Tutto questo emerge anche meglio se andiamo ad analizzare nuovamente i dati macroeconomici:

  • L’inflazione si attesta allo 0,6%;
  • Il PIL, quest’anno, dovrebbe crescere di uno stentato 0,9%;
  • Il tasso applicato dalla Bank of Japan su base annua, nei prestiti alle banche private, è negativo al -0,1%.

Puoi notare facilmente come questo stia penalizzando lo yen utilizzando Trade.com per accedere ai grafici in tempo reale.

Previsioni GBP/JPY

Il cambio tra sterlina inglese e yen giapponese, nel medio termine, è destinato a riflettere l’andamento dell’economia britannica in uscita dall’Unione Europea.

Quando la politica si mischia ai mercati finanziari più della macroeconomia, diventa sempre difficile fare previsioni.

In ogni caso, se il Regno Unito saprà dimostrarsi un’economia solida anche in questo nuovo scenario, è molto probabile che la sterlina si andrà rafforzando sullo yen.

Nel lungo termine, invece, sono soprattutto le condizioni dell’economia giapponese a decretare le sorti di questa coppia di valute.

Se attualmente il rischio di un default giapponese sembra ancora lontano, l’incremento della tassazione ed il costante ribasso dei tassi centrali di interesse portano a pensare che saranno i cittadini a fare le spese del debito pubblico.

Se questa situazione dovesse impattare le imprese più del dovuto, per via di maggiori tasse e imposte, per il Giappone saranno tempi duri.

In un contesto di questo genere, comunque, è probabile che lo yen riesca a mantenere alto il suo rapporto con la sterlina per via di un’inflazione molto bassa.

Se al contrario la Bank of Japan deciderà di intervenire sul debito stampando moneta, ci aspettiamo esattamente il contrario: un aumento dell’inflazione ed una svalutazione dello yen.

Al momento è ancora presto per dire che cosa succederà, ma lo scenario evolve piuttosto in fretta e le notizie su Brexit e sulle difficoltà economiche del governo giapponese sono quotidiane.

Il consiglio è quello di utilizzare le notizie per guidare gli investimenti, comprando e vendendo di conseguenza.

Un ottimo modo per farlo è registrare un account su Plus500 (clicca per il sito ufficiale) e impostare un alert personalizzato sul cambio GBP/JPY.

In questo modo il broker ti terrà aggiornato sulle notizie da entrambi i fronti, inviandoti delle notifiche in tempo reale quando c’è qualche novità interessante da conoscere.

Migliori broker GBP/JPY

Concludiamo la nostra guida con un altro argomento molto importante: i broker più adatti per negoziare GBP/JPY.

Dal momento in cui i broker Forex sono tanti, e purtroppo ci sono anche tante truffe, bisogna stare attenti all’intermediario a cui ci si affida.

Essere bravi a fare previsioni conta poco, se prima non ci si affida ad un servizio che offra:

  • Basse commissioni di negoziazione;
  • Una piattaforma facile da utilizzare e completa;
  • La possibilità di negoziare GBP/JPY con leva finanziaria;
  • Ottima sicurezza e affidabilità;
  • Un’assistenza clienti puntuale e in italiano.

Per questo abbiamo selezionato due broker che, tra i vari broker autorizzati Consob, risultano particolarmente efficaci per il trading del cambio sterlina/yen giapponese.

Plus500

Plus500 (registrati gratis a questo indirizzo) è uno dei broker più efficaci nel suggerire ai suoi clienti le notizie del giorno che possono influenzare l’andamento dei mercati.

plus500 trading GBP/JPY
Plus500 per trading GBP/JPY

Dal momento in cui il cambio GBP/JPY è così segnato dall’andamento della politica e delle decisioni delle banche centrali, avere una fonte di informazioni efficace è molto importante.

Oltre a permetterti di conoscere in tempo reale tutti gli avvenimenti importanti, Plus500 (visita il sito del broker) è anche uno dei migliori broker in quanto a commissioni.

Grazie allo spread molto ridotto sul Forex, puoi approfittare anche delle piccole oscillazioni di mercato per fare scalping in modo efficace.

Per approfondire, ti consigliamo di leggere anche la nostra recensione di Plus500.

Trade.com

Anche se meno conosciuto del precedente, Trade.com è un altro broker molto valido che permette agli utenti di trovare commissioni basse e ottime condizioni di negoziazione su GBP/JPY.

logo trade.com
Trade.com per trading GBP/JPY

Qui puoi trovare il sito ufficiale di Trade.com.

Uno dei vantaggi più grandi di questo broker è la sua piattaforma di trading.

Tutti i clienti possono, infatti, accedere gratuitamente alla prestigiosa CFD WebTrader, un software di proprietà del broker che offre completezza e chiarezza come pochi altri.

Inoltre Trade.com offre a tutti i suoi trader la possibilità di formarsi e migliorare le proprie strategie di trading.

Un esempio? Queste 15 videolezioni gratuite (accedi gratis da qui) in cui sono spiegate tutte le basi del trading online, ed in particolare del Forex.

Anche in questo caso, ti suggeriamo di non perdere la nostra recensione completa di Trade.com per scoprire tutte le sue funzionalità ed i suoi vantaggi.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments