miglior broker forex

Investire in FTSE MIB: Guida al Trading

Online il - Aggiornato il

Di Ivano Sabbioni

miglior broker forex

Torniamo a parlare di investimenti in indici e lo facciamo affrontando il più italiano degli indici, quello che appunto va sotto il nome di FTSE MIB

Parliamo dell’indice più importante della borsa italiana, ovvero dell’indice che rappresenta, come vedremo più avanti nel corso della nostra guida, tutte le principali 40 aziende italiane quotate in borsa

Ma può essere davvero conveniente investire su questo specifico indice? Ha ancora senso puntare sull’economiaitaliana? Oppure si tratta, come molti credono, di un’economia ormai decotta e che non offre alcun tipo di interesse per chi vuole investire oggi?

Nella guida che noi di MigliorBrokerForex.net ha preparato per i suoi lettori troverai tutte le informazioni più importanti su questo indice, così da avere a disposizione tutti gli elementi per decidere in assoluta e completa autonomia se sia il caso o meno di investire su questo specifico titolo. 

Risponderemo ad ogni tipo di dubbio che potresti avere su questo titolo, parlando anche del rischio insito nel FTSE MIB e nei titoli che lo compongono. 

Indice FTSE MIB - come investire
La Borsa di Milano, sede del FTSE MIB

Una guida dunque davvero completa, che affronta uno dei titoli che ti permettono di avere in modo relativamente semplice un investimento davvero diversificato, un investimento che è dunque di interesse per tutti, anche per chi ha a disposizione una quantità di capitale relativamente ridotta. 

Senza dimenticare ovviamente di parlare anche del grafico e delle quotazioni in tempo reale sul FTSE MIB, quello che un tempo era MIB 30 e oggi si è trasformato invece in un indice che appunto sta a raggruppare le migliori 40 imprese quotate d’Italia

Ricordati poi che potrai mettere subito in pratica quello che apprenderai su questa guida da subito, anche senza rischiare neanche 1 euro. 

Come fare? Semplice: ti basterà aprire un conto demo con Trade.com – qui per farlo in meno di 1 minuto, per affrontare i mercati, almeno all’inizio, senza rischiare il tuo capitale faticosamente accumulato. 

Di cosa parleremo in questa guida sul FTSE MIB

Ci sono moltissimi aspetti che dovremo andare necessariamente ad affrontare nel corso della nostra guida di oggi, una guida che dovrà appunto affrontare moltissimi argomenti proprio per offrire un vero sguardo di insieme su questo titolo. 

Dovremo necessariamente parlare di: 

  1. Che cos’è il FTSE MIB: siamo sicuri che tutti o quasi pensano di sapere tutto sull’indice in questione, che è poi l’indice di casa per noi italiani. Noi invece siamo sicuri del contrario, ovvero che non sono in molti a conoscerlo a fondo. Leggere questa sezione sarà sicuramente di aiuto anche a chi è più esperto dei mercati; 
  2. I buoni motivi per investire oggi in FTSE MIB: ci sono buoni motivi che dovrebbero portarci appunto a investire su questo specifico indice? Oppure è uno di quelli che dovremmo lasciar perdere, orientandoci magari verso altri titoli? 
  3. I migliori canali per investire su FTSE MIB: quali sono i migliori canali per investire su questo titolo? Vedremo insieme perché conviene farlo con FP Markets – che qui ti offre anche un conto demo gratis rispetto alla banca; 
  4. Perché non conviene investire su questo titolo con la banca: perché non ti consigliamo di investire su questo specifico titolo con la banca? Perché ti proponiamo altri canali? Lo vedremo anche qui nel dettaglio, perché ogni consiglio che diamo ai nostri lettori lo motiviamo fino a fondo; 
  5. Quotazioni in tempo reale e grafico: la nostra analisi di FTSE MIB non potrà che partire proprio da questo, ovvero da un’analisi del grafico e delle quotazioni in tempo reale. Perché? Perché è dal grafico che capiamo se sarà il caso di fare il nostro ingresso nel mercato o meno.

Sono molti gli argomenti che dovremo necessariamente toccare con la nostra guida di oggi ed è per questo motivo che ti consigliamo di continuare a seguire la nostra guida, una guida che, come ti abbiamo anticipato, è adatta tanto ai principianti quanto invece a chi ha già una certa esperienza nel trading online.

Che cos’è il FTSE MIB? Cenni storici, composizione e prospettive del presente e del futuro

Il FTSE MIB (pronunciato in realtà molto curiosamente futsi mib), è l’indice che sta per Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa, un nome in realtà molto lungo che sta a significare che l’indice in questione è: 

  • Gestito da Financial Times, che compie i calcoli appunto sul bilanciamento dei titoli e del loro impatto sull’andamento del titolo; 
  • Della borsa di Milano: Piazza affari, dove sono appunto quotate tutte le imprese italiane di maggior rilievo. 

I titoli che compongono l’indice rappresentano quasi l’80% dell’intera capitalizzazione di borsa Italiana, motivo per il quale appunto viene ritenuto, a buon diritto, l’indice con la maggiore rappresentatività della nostra economia. 

L’indice è nato il 31 Dicembre 1992 e ai tempi veniva chiamato COMIT 30, che raccoglieva appunto i 30 titoli migliori della borsa italiana, sempre per capitalizzazione.

Poi diventò MIB30, che è forse il nome con il quale tutti lo hanno conosciuto per più tempo, mentre successivamente, grazie alla fusione di Borsa Italiana con London Stock Exchange si è passati a questa denominazione. 

L’indice ha avuto il suo picco nel 2000, mentre poi, in seguito alla crisi del 2009, si è fortemente ridimensionato ed è tornato oggi praticamente ai livelli del 1994. 

Un andamento del nostro indice che appunto sottolinea una netta difficoltà della nostra economia nazionale, anche a livello di gruppi che sono maggiormente capitalizzati

All’interno dell’indice, poi, si trovano titoli di grande importanza anche a livello mondiale, come appunto ENI, ma anche ENEL e Intesa San Paolo, quelli che sono i tre gruppi con maggiore capitalizzazione oggi a livello italiano. 

Siamo davanti ad un indice che, nonostante le vicissitudini degli ultimi 10 anni, è comunque uno dei più importanti del mondo e sicuramente uno di quelli di riferimento per gli investitori di tutto il mondo. 

Parliamo, per intenderci, pur sempre di un titolo che rappresenta una delle economie del G8 ed un paese che, al netto delle Cassandre, ha ancora moltissimo da dire a livello economico. 

Ricordati poi che scegliendo un broker come FP Markets – qui se vuoi aprire subito una demo gratis, puoi investire anche con vendita allo scoperto, ovvero puntando sul ribasso del titolo. 

Anche Trade.com ti permette di investire su questo titolo con una demo gratis, broker di grandissima qualità e che offre, oltre al FTSE MIB, altri 2.000 titoli sui quali investire. 

Seguire gli investimenti su FTSE MIB: orari e accesso

FTSE MIB è un indice molto comodo per chi investe dall’Italia. Siamo infatti davanti ad un indice che appunto opera dalla borsa di Milano e che dunque segue gli orari del nostro paese. 

Si opera dalle 09:00 alle 17:30, orario decisamente comodo per chiunque faccia trading dall’Italia.

Questo però ovviamente non vuol dire che non possiamo utilizzare degli strumenti, come vedremo più avanti, per minimizzare il tempo che passiamo davanti al PC per la gestione di questo titolo. 

Ricordati anche che pur essendo questo un mercato molto accessibile per chi opera dall’Italia, non è necessario rivolgersi alla propria banca per investire.

I motivi, avremo modo di vederli più avanti nel corso della nostra guida. 

Scegliendo un grande broker, di quelli più moderni, come appunto Trade.com – che ti offre in totale più di 2.000 titoli sui quali investire, potrai avere infatti un doppio vantaggio: 

  • Accedi al FTSE MIB anche con leva finanziaria, ovvero con la possibilità di investire a margine su questo specifico titolo, per andare appunto a moltiplicare l’andamento del titolo stesso, cosa che la banca non può offrirti in alcun modo; 
  • Strumenti molto avanzati, che ti permettono di gestire facilmente il tuo ordine anche se non sei al PC. Strumenti di questo tipo, come il take profit, per chiudere le posizioni quando hai raggiunto un determinato profitto, oppure ancora lo stop loss, che ti permette specularmente di chiudere gli ordini raggiunta una certa perdita. 

Scegliendo dunque un broker di qualità non dovrai mai effettivamente preoccuparti di passare troppo tempo al PC. 

Le migliori piattaforme per investire sul FTSE MIB

Come abbiamo appena anticipato, ci sono broker di indici che ti offrono la possibilità di investire su questo specifico titolo con enormi vantaggi. 

Ne abbiamo selezionati due per te, su decine che offrono oggi i loro servizi in Italia, per permetterti appunto di avere una selezione sicuramente valida. 

Trade.com: broker con più di 2.000 titoli per investire anche sul FTSE MIB

Il primo dei broker che consigliamo per fare trading sul FTSE MIB è appunto Trade.com – qui per visitare il sito ufficiale del broker, un broker che opera ormai da tantissimi anni in Italia e in Europa e che gode di una ottima reputazione. 

Consigliamo spesso sulle nostre pagine proprio questo broker, perché ha diversi vantaggi da mettere sul tavolo: 

  1. Zero commissioni: se la banca it propone in genere investimenti con costi superiori ai 20 euro per singolo trade, di contro hai broker come quello che ti abbiamo appena consigliato, che invece ti propongono di fare Trading a zero commissioni: si tratta di un risparmio enorme, soprattutto se hai capitali ridotti a disposizione; 
  2. Ottima piattaforma per l’investimento: Trade.com ti mette a disposizione soltanto il meglio in termini di strumenti per avvicinarti ai mercati e per gestire appunto i tuoi ordini; 
  3. Formazione Video Integrata: se vuoi saperne di più su tutti i mercati, ti basterà seguire la Serie di 15 video messa a disposizione da Trade.com gratis, una grande piattaforma educativa che ti permette di metterti in pari con i veri esperti del mercato; 
  4. Listini molto ricchi: ci sono oltre 2.000 titoli sui quali investire con questo specifico broker, listini che la banca non può offrirti, lasciandoti senza la possibilità appunto di sfruttare le migliori opportunità che si presentano sul mercato; 
  5. Broker con licenza: siamo sempre davanti ad un broker con licenza, ovvero ad un broker che è in possesso di tutte la autorizzazioni per operare in Europa. 

Se vuoi investire seriamente sul FTSE MIB, il nostro consiglio è di partire con un conto demo di Trade.com, un conto che permette di investire con capitale virtuale e dunque di non rischiare nulla per chi volesse appunto tentare le proprie strategie su questo specifico titolo. 

Qui puoi leggere la nostra guida su Trade.com.

FP Markets: grande broker Europeo per investire su NOMEBROKER 

Altro discorso è quello che riguarda FP Markets, altro broker di grandissimo spessore e di grandissima qualità, che offre appunto la possibilità di investire anche lui sui migliori 40 titoli italiani racchiusi in un indice. 

FP Markets ha tra i suoi vantaggi: 

  1. Piattaforma con grande reputazione: FP Markets è uno dei broker più conosciuti in Europa e al mondo (qui per visualizzare il suo sito), sia tra i professionisti, sia invece tra chi sta iniziando a fare trading; 
  2. Più di 1.500 titoli solo sulle azioni: senza tenere conto di tutto quello che questo broker può offrire in termini di materie prime, forex e anche le criptovalute;
  3. Iress Platform per investire: ovvero una piattaforma che appunto offre tutti gli strumenti di cui abbiamo parlato sopra a tutti i suoi clienti. Con una piattaforma del genere sei subito messo in pari con quello che hanno a disposizione appunto tutti i migliori investitori del mondo; 
  4. Didattica al top: con la Trading Academy di FP Markets puoi avere a disposizione un centinaio di corsi su ogni tipo di argomento che riguardi appunto il trading online. Altro grande vantaggio tra quelli offerti da uno dei migliori broker al mondo anche per investire sul FTSE MIB. 
  5. Licenza in regola: non fidarti mai dei broker che non sono in grado di offrirti una licenza valida per operare in Europa. FP Markets ce l’ha e ti offre dunque tutte le migliori garanzie per quanto riguarda appunto la tutela del tuo capitale e dei tuoi ordini. 

Anche con FP Markets potrai partire con un conto demo gratuito da qui, un conto con capitale virtuale che potrai utilizzare come meglio credi, anche per testare le tue strategie sul FTSE MIB. 

Previsioni sul FTSE MIB

Non è mai facile, anzi, è quasi sempre impossibile dare previsioni molto accurate sull’andamento di un indice di borsa come FTSE MIB

Chi ti promette di farlo, sta in genere cercando di accreditarsi come esperto, mentre poi non avrà nulla da offrirti in termini di segnali concreti. 

Per questo motivo ti consigliamo sempre di diffidare di tutti quelli che sono i finti esperti che sparano previsioni du questo indice. 

Quello che puoi fare, se vuoi davvero renderti conto di come si potrà muovere il mercato dell’FTSE MIB, è tenere sempre a mente due fattori: 

  • Ciclicità di azioni e indici: le azioni e dunque anche gli indici azionari seguono grosso modo l’andamento dell’economia di riferimento, in questo caso quella italiana, e dell’economia mondiale; 
  • Segui tutte le informazioni sull’economia italiana: tutti gli indicatori, i dati che vengono diffusi e tutte anche le istanze politiche. Chi vuole investire al meglio in FTSE MIB deve esser pronto a diventare un’esperto dell’Italia e del suo sistema. 

Possiamo aiutarti in questo senso indicandoti il nostro calendario economico.

All’interno di questo calendario economico non solo troverai appunto tutte le indicazioni che riguardano l’economia italiana, ma imparerai anche a capirne l’impatto, grazie agli indicatori che abbiamo inserito. 

Il calendario economico è fondamentale non solo per chi vuole fare trading sugli indici azionari italiani, ma più in generale per tutti i titoli dei mercati finanziari. 

Perché non ti conviene investire tramite la banca sul FTSE MIB

Come ti abbiamo detto poco sopra, è sempre molto poco conveniente andare ad investire appunto tramite la banca.

Ci sono infatti tutta una serie di svantaggi che rendono questo canale poco interessante anche per chi deve appunto fare trading sul FTSE MIB, ovvero su un titolo nostrano. 

Di seguito troverai un riassunto completo del perché riteniamo questo specifico canale il peggiore che hai oggi a disposizione per andare ad investire sul FTSE MIB. 

1. Costi stratosferici 

La banca ti offre depositi titoli, che altro non sono che conti all’interno del quale custodire i tuoi titoli finanziari. 

Sulla carta potrebbero anche essere inclusi, come servizio, nel tuo specifico conto corrente, anche se poi in realtà le spese si configurano in un secondo momento, ovvero al momento dello scambio. 

Puoi arrivare facilmente a pagare somme folli anche sugli investimenti di titoli italiani, come è appunto anche il FTSE MIB di cui abbiamo parlato nella nostra guida di oggi. 

Se hai pochi capitali da parte e che vuoi investire, questo può facilmente tradursi in una perdita totale del denaro, che finirà dritto dritto nelle tasche della banca. 

Davvero niente a che vedere con quello che viene offerto da broker come FP Markets – che ti offrono trading senza commissioni. Per un risparmio complessivo che per molti trader può superare anche i 1.000 euro nel corso di un anno. 

2. Listini ridotti, che non ti permettono di diversificare a sufficienza 

Altro problema tipico delle banche è quello che riguarda appunto la diversificazione. Parliamo di un problema che non è di scarsa importanza, perché appunto è la diversificazione a ridurre i rischi del trading online. 

Le banche, rispetto ai migliori broker che offrono trading di indici, non possono che offrirti soltanto una frazione dei titoli effettivamente interessanti. 

Anche se vuoi investire principalmente sul FTSE MIB e magari sulla borsa italiana, non c’è motivo per chiudersi anticipatamente le porte.

I broker CFD come Trade.com ti permettono di investire in più di 2.000 titoli – una grande differenza rispetto a quello che ti viene offerto dalle banche. 

3. Le banche non offro piattaforme all’avanguardia

La piattaforma è la porta di accesso ad ogni tipo di investimento che vorremo fare online. 

Le banche, anche in questo senso, si esprimono su livelli particolarmente bassi. Che intendiamo dire? Intendiamo dire che le piattaforme che vengono in genere abbinate ai conti bancari sono vecchie, inutili e prive di funzionalità. 

Di contro ci sono invece broker avanzati come FP Markets – che ti offre Iress Platform – una piattaforma decisamente più avanzata di quelle che vengono appunto offerte dalle banche, piattaforme che non hanno appunto né arte né parte. 

Quali sono gli altri vantaggi dell’investire sul FTSE con un buon broker CFD 

A questo punto, quasi in chiusura, ti riassumiamo altri vantaggi che potrai avere scegliendo appunto un buon broker CFD per fare trading sul FTSE MIB.

  1. Minimi di investimento bassi: il che vuol dire che non avrai bisogno di migliaia di euro per cominciare a fare trading su FTSE MIB o su altri tipi di titoli; 
  2. Piattaforme per investire molto avanzate: come abbiamo detto poco sopra, con questi broker potrai davvero avere a disposizione delle piattaforme avanzate, che ti permettono di investire anche quando sei lontano dal PC; 
  3. Molti titoli a disposizione: entrambi i broker che ti abbiamo consigliato nel corso della nostra guida di oggi sono capaci di offrirti oltre 2.000 titoli sui quali investire; 
  4. Vendita allo scoperto: è lo strumento che ti permette di puntare anche sul ribasso di FTSE MIB, particolarmente interessante data sia la normale volatilità degli indici azionari, sia il momento non esattamente esaltante per l’Italia. 

Sono motivi sicuramente definitori per scegliere o meno di investire appunto tramite broker CFD. 

Ricordati che puoi sempre testare che siano broker che fanno al caso tuo aprendo un conto demo con Trade.com, conto che ti permette di testare tutte le funzionalità prima di andare ad investire con capitale reale. 

Quotazioni e grafico FTSE MIB in tempo reale

Di seguito troverai il grafico in tempo reale di Plus500 per seguire le quotazioni di FTSE MIB, con approfondimento anche fino a 5 anni. 

Il grafico di Plus500 (broker che ti offre un conto pratica gratis che puoi ottenere subito qui), offre una serie di servizi per fare trading, funzionali all’interno di una piattaforma di investimenti estremanente sicura.

Su Plus500 puoi trovare una selezione dei migliori indici azionari a livello mondiale, tra cui ovviamente FTSE MIB, il cui prezzo aggiornato in tempo reale lo trovi nella grafica sottostante.


Con il grafico potrai seguire da molto vicino il tuo investimento e decidere quale sarà il momento ideale per iniziare a fare trading su FTSE MIB

Scopri il sito ufficiale di Plus500 – clicca qui.

Perché investire in FTSE MIB?

Non offriamo mai consigli di investimento che pensiamo siano validi per tutti.

Quello che ti mettiamo a disposizione sono i vantaggi che potrai trovare nell’investire in FTSE MIB: 

  • Il meglio dell’economia italiana: con un solo titolo in portafoglio potrai avere a disposizione tutto il meglio che l’economia italiana ha appunto da offrire a chi vuole investire; 
  • Semplicità: gli indici sono titoli molto semplici, che possono essere gestiti, con una buona piattaforma, senza grossi grattacapi; 
  • Diversificazione: anche se il titolo in questione è composto solo da aziende sulla borsa italiana, hai comunque aziende che operano in diversi settori e che appunto dunque offrono una discreta diversificazione; 
  • Economia giapponese: anche se non è un’economia che brilla particolarmente negli ultimi tempi, è comunque una di quelle che sono più importanti a livello mondiale e che è un buon riferimento per moltissimi investitori. 

Valuta in assoluta autonomia questi vantaggi e decidi se FTSE MIB potrà o meno entrare a far parte del tuo portafoglio di investimento. 

Soltanto così potrai infatti fare il meglio per il tuo portafoglio, quel meglio che nessuno può fare al posto tuo!

Conclusioni sul FTSE MIB: non è per tutti

Sarai tu a decidere se questo è il titolo che fa al caso tuo .

Siamo davanti ad un titolo che, come tutti gli altri, non è sicuramente per tutti. 

Ogni investimento va sempre infatti valutato in autonomia e in indipendenza, senza farsi tirare la giacca da questo o da quel promotore. 

Impara a muoverti con la tua testa, anche per evitare tutte le truffe che abbiamo avuto modo di segnalare anche sulla nostra testata.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments