miglior broker forex

Indicatore Alligator: Cos’è e come funziona (Guida completa)

Online il - Aggiornato il

Di Antonio Possentini

miglior broker forex

L’analisi tecnica è fatta di tanti indicatori interessanti, ma oggi ne vedremo uno che troviamo particolarmente utile. Si tratta dell’indicatore alligator, spesso tradotto in italiano come “coccodrillo”.

Il motivo per cui lo troviamo particolarmente interessante è che la nostra stessa redazione lo utilizza con successo per fare trading sul Forex. Essendo degli appassionati di medie mobili, questo strumento non poteva mancare nelle nostre strategie di trading online.

Siamo felici di guidarti alla scoperta di questo indicatore che, troppo spesso, viene sottovalutato. Per quanto semplice, è in grado di aiutarci a capire sia quando aprire una posizione che quando sia il caso di chiuderla.

Ricorda che, nel trading, molto spesso ciò che è più semplice finisce anche per funzionare meglio: l’alligator ne è un chiaro esempio.

Oltre a spiegarti come sfruttare questo strumento a tuo vantaggio, andremo anche ad esaminare i migliori broker da utilizzare per fare trading con successo attraverso l’analisi tecnica.

Non parliamo di broker qualunque, ma di servizi ad alto valore aggiunto che ti permettono di avere il minimo delle commissioni con il massimo della sicurezza e della semplicità di uso. Broker come eToro (puoi scoprirlo qui), imprescindibili per chi vuole fare sul serio nel trading.

Alligator: cos’è e a cosa serve

L’indicatore alligator si presenta come un insieme di tre linee. Per tradizione, queste sono normalmente di tre colori distinti: verde, blu e rosso, in modo da poter interpretare al meglio ciò che accade sul grafico.

Queste tre linee, in realtà, sono tre medie mobili. Ognuna viene calcolata in un modo diverso, ma di questo parleremo meglio nel prossimo paragrafo.

Ora conta che tu abbia subito chiaro questo: la posizione di queste tre linee, messe insieme, ci aiuta a capire quando sia il caso di entrare sul mercato e quando sia il caso di uscire.

analisi tecnica indicatore alligator
Qui puoi vedere come si presenta l’alligator una volta inserito sul grafico

In particolare, ci dice quando sta per nascere un trend e quando sta per finire. A conti fatti sono i due tipi di segnale più importanti nell’analisi tecnica.

L’idea di creare questo indicatore è stata di Bill Williams, un celebre trader americano che ha insegnato molto al mondo della finanza. I suoi libri sull’analisi tecnica, sulla psicologia dei mercati e sulla teoria del caos, ancora oggi, vengono studiati dai trader di professione.

Williams, dopo aver analizzato a lungo i mercati, si è reso conto che gli investitori guadagnano soprattutto nei momenti in cui il mercato è in una netta fase di trend ribassista o rialzista. I trend così netti, però, rappresentano solo il 15-20% del tempo.

L’alligator serve proprio a questo: a non farsi sfuggire i momenti in cui il mercato esce da una fase laterale ed entra in una fase rialzista o ribassista.

Volendo puoi provare subito ad applicare questo indicatore usando il conto demo gratuito di Capital.com (puoi aprirlo qui).

Dopo aver inserito una mail e una password potrai subito iniziare a fare trading con denaro virtuale, avendo a disposizione una piattaforma professionale e tutti i migliori strumenti di analisi tecnica.

Il calcolo dell’alligator

Credici sulla parola: se vuoi diventare un bravo trader, devi imparare a conoscere i numeri dietro agli strumenti che utilizzi.

Certo, va bene sapere a grandi linee cosa sia un indicatore e come si leggono i suoi segnali. Va bene per chi è alle prime armi e sta usando il conto demo a tempo perso, ma non per chi fa sul serio.

Se hai intenzione di dedicarti ad alto livello all’analisi tecnica, assicurati di non trascurare la matematica. Solo in questo modo riuscirai a capire come combinare tra loro gli indicatori di analisi tecnica per creare delle strategie che funzionano davvero.

Per fortuna il calcolo dell’alligator è molto semplice. Prima di tutto, ecco che cosa rappresentano le tre linee:

  • Blu (mandibola del coccodrillo) – media mobile lenta a 13 periodi, con aggiustamento sugli ultimi 8 periodi
  • Rossa (denti del coccodrillo) – media mobile a 8 periodi, con aggiustamento sugli ultimi 5 periodi
  • Verde (labbra del coccodrillo) – media mobile veloce a 5 periodi, con aggiustamento sugli ultimi 3
indicatore alligator calcolo
L’immagine del coccodrillo associata all’indicatore aiuta a ricordarsi il ruolo delle diverse medie – Immagine a cura di MigliorBrokerForex.net

L’aggiustamento è uno strumento matematico che si usa per rendere più influenti gli ultimi periodi sul calcolo finale della media. In parole molto semplici, serve per fare in modo che le candele più recenti pesino più di quelle meno recenti.

Molto spesso i segnali di trading generati con l’uso di una sola media mobile sono in ritardo, oppure non sono abbastanza precisi. Quando si usa un indicatore come l’alligator, invece, serve una tripla conferma da tre diverse medie mobili affinché la posizione venga aperta.

Il fatto che questo indicatore debba verificare tre volte i suoi segnali lo rende meno prolifico nel dare indicazioni, ma queste sono molto più precise di quelle che si otterrebbero con una singola media.

I segnali di trading dell’alligator

Adesso sai tutto su cosa sia e su come venga calcolato l’alligator. Possiamo finalmente passare alla parte più “succosa” del nostro discorso, quella per cui sei venuto su questa pagina: scopriamo insieme come usarlo per generare segnali di trading.

I segnali generati da questo indicatore dipendono dalla posizione delle tre linee:

  • Quando la linea verde sale sopra tutte le altre, la linea rossa si trova in mezzo e quella blu è più in basso di tutte, si genera un segnale di acquisto;
  • Quando la linea blu sale sopra tutte le altre, seguita da quella rossa in mezzo e da quella verde in fondo, si genera un segnale di vendita.

Il momento migliore per comprare è quello in cui la linea verde è passata sopra le altre da poco, ma aspettando almeno 3/4 periodi per assicurarci che il trend in corso prenda forza.

Il momento migliore per chiudere, invece, è più discutibile:

  • Qualcuno, purista di questo indicatore, preferisce aspettare il momento in cui le linee si toccano di nuovo e quella blu va a superare le altre;
  • Qualcun altro, più prudente, preferisce chiudere quando le linee iniziano ad avvicinarsi tra di loro.
Segnali di trading alligator
Qui puoi vedere come il coccodrillo ci aiuta a stabilire i momenti giusti per entrare e uscire dal mercato – Immagine a cura di MigliorBrokerForex.net

Entrambe le strategie possono funzionare. La prima ha il rischio di ritrovarsi a chiudere quando il trend è già finito e il trend opposto è già in corso; la seconda ha il rischio di non farti cavalcare tutto il trend attuale.

In ogni caso, è sempre bene fare pratica prima di iniziare ad utilizzare un indicatore con il conto reale. Per questo ti consigliamo di iniziare a prendere la mano con l’alligator utilizzando il conto demo di FP Markets.

Grazie al conto demo potrai provare il trading senza rischi, su una piattaforma di livello professionale che ha già ricevuto l’approvazione di tanti trader di professione.

Personalizzare l’alligator: una scelta sconsigliata

Molto spesso suggeriamo di provare a modificare le impostazioni degli indicatori, in modo da osservare come cambia la loro visualizzazione sul grafico.

Parlando di alligator, invece, reputiamo che sia decisamente meglio evitare di personalizzare l’indicatore. Il motivo è molto semplice ed è legato al lavoro di Bill Williams in fase di impostazione dello strumento.

Il coccodrillo è impostato sui livelli 5, 8 e 13 perché sono tutti e tre numeri di Fibonacci. Anche il 3, 5 e 8 (i fattori di aggiustamento) sono scelti in quanto sono numeri di Fibonacci.

Chi fa trading da un po’di tempo sa che i livelli di Fibonacci sono utili in diverse occasioni: quando si studia un trend, quando si tracciano supporti e resistenze, quando si scelgono le entrate sul mercato e così via.

Puoi provare, un po’per gioco, a personalizzare il calcolo dell’alligator usando il conto demo di eToro. Ti consigliamo eToro perché, a differenza di molti altri broker, vanta la possibilità di usare tutti gli strumenti di analisi tecnica e anche quella di poterli personalizzare.

Facendo un po’di pratica con i livelli personalizzati, dopo un po’di tempo ti accorgerai che la loro precisione è decisamente inferiore a quella che avresti utilizzando i livelli standard.

Potresti usare anche altri livelli di Fibonacci per rendere l’indicatore più rapido nel rispondere ai movimenti di prezzo, oppure più lento. Ad esempio:

  • Linea blu a 8 periodi con aggiustamento di 5
  • Linea rossa a 5 periodi con aggiustamento di 3
  • Linea verde a 3 periodi con aggiustamento di 2

Oppure:

  • Linea blu a 21 periodi con aggiustamento di 13
  • Linea rossa a 13 periodi con aggiustamento di 8
  • Linea verde a 8 periodi con aggiustamento di 5

Chi ama il trading ama sperimentare, soprattutto quando sta imparando. Prova a usare l’alligator con questi livelli e vedrai sicuramente delle differenze notevoli.

Migliori indicatori da abbinare all’alligator

Vediamo quali altri strumenti si possono abbinare all’alligator per creare una strategia di trading completa.

Partiamo comunque dal presupposto che si tratta di uno strumento davvero molto completo in sé, quindi persino preso da solo è in grado di aiutarci a gestire tutte le entrate e le uscite sul mercato.

Se vogliamo fare le cose davvero bene, però, sarebbe bene abbinare qualche indicatore per contrastare l’unico limite vero dell’alligator: le fasi laterali di mercato.

Quando il mercato entra in un fase laterale, l’indicatore inizia ad essere molto meno preciso nel generare segnali. Solo sui trend netti è opportuno usare il coccodrillo.

Dunque ci serve un indicatore che possa mostrarci la forza del trend in corso; abbiamo l’imbarazzo della scelta, potendo optare per:

Non serve necessariamente usarli tutti e tre: uno o due vanno benissimo e sono in grado di generare più che a sufficienza i segnali che ci interessano. Anche in questo caso, comunque, l’ideale è provare a combinarli per osservare come si adattano alla tua strategia di trading.

Migliori broker per il trading con alligator

Concludiamo la nostra guida andando a suggerirti alcuni broker particolarmente efficaci per fare trading con l’alligator e con l’analisi tecnica in generale.

Se vuoi iniziare a pensare come un trader professionista, pensa alla scelta del broker ancor prima che alla scelta della strategia. La piattaforma con cui operi è lo strumento essenziale di questo mestiere e può fare la differenza tra successo e insuccesso.

Costi, commissioni, ordini aperti in ritardo, prezzi non aggiornati e quotazioni fuori mercato: tutto questo può rendere inutile anche la miglior strategia di trading che ci sia.

Per evitare di finire nelle cattive acque dove si sono già immersi molti trader, ecco i broker consigliati dalla nostra redazione.

Migliorbrokerforex.net

UNICI BROKERS ONLINE RACCOMANDATI DA MIGLIORBROKERFOREX.NET

Recensione ETORO

  • Social & CopyTrading
  • CopyPortfolios & Popular Investor
  • Crypto Staking e Azioni Realstock

Licenze: CySEC/FCA/ASIC

Prova gratis ETORO

67% of retail CFD accounts lose money.

Recensione CAPITAL.COM

  • Intelligenza Artificiale
  • Analisi & Segnali Trading Central
  • Bot Trading con MT4 & TradingView

Licenze: CySEC/FCA/NBRB

Prova gratis CAPITAL.COM

67,7% of retail CFD accounts lose money.

Recensione TRADE.COM

  • MetaTrader 4/5 Gratis
  • Segnali Trading gratuiti
  • Livecoach Gratis 1:1

Licenze: CySEC/FCA

Prova gratis TRADE.COM

79,80% of retail CFD accounts lose money.

Recensione FP MARKETS

  • Spreads da 0.0 pips
  • Leva 500:1
  • BOT, Algo & AutoTrading

Licenze: CySEC/ASIC

Prova gratis FP MARKETS

Capitale a rischio.

Recensione IQ OPTION

  • Trading piccole somme [1 e 10€]
  • Opzioni FX & Auto Analisi tecnica
  • Segnali Social Trading

Licenze: CySEC/FCA

Prova gratis IQ OPTION

Capitale a rischio.

Recensione AVATRADE

  • Ava Protect
  • Strumenti analisi avanzata
  • Didattica gratuita

Licenze: CySEC/FCA

Prova gratis AVATRADE

Capitale a rischio.

Recensione PLUS500

  • Zero commissioni
  • Spreads stretti
  • Broker multipremiato

Licenze: CySEC/FCA

Prova gratis PLUS500

Capitale a rischio.

Questi broker hanno caratteristiche molto precise che ci portano a consigliarli:

  • Sono regolamentati in Europa ed autorizzati ad operare in Italia dalla Consob;
  • Offrono costi bassi, senza commissioni fisse, senza costi nascosti né altre sorprese;
  • Si spendono per offrirti la migliore piattaforma possibile, integrata da strumenti di analisi tecnica e ogni mezzo utile per analizzare i grafici;
  • Prevedono un conto demo gratuito con cui fare pratica senza rischi;
  • Hanno un’offerta formativa gratuita sempre aggiornata che ti permette di imparare a fondo le tecniche di trading che possono aiutarti ad avere successo nel tempo.

L’elenco si aggiorna in tempo reale quando viene modificato, su tutte le pagine del nostro sito. Questo significa che i suoi suggerimenti sono quelli più adatti oggi, a prescindere da quando tu stia leggendo questa guida.

Così si conclude la nostra guida all’indicatore alligator, ma saremo felici di proseguire la discussione nei commenti: se hai dubbi o domande, scrivici usando la sezione più in basso e saremo felici di risponderti entro 24 ore.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments